Il semaforo

 

Una vecchia trasmissione, Domenica Dee Jay, erano le Audiostorie, una collaborazione con Radio Dee Jay. Un mio breve racconto in onda. Anno 2007

 

 

 

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione

 

 

–      Scusi?

–      Chi è?

–      Posso farle delle domande?

–      Ahò, ma non lo vedi che sto a lavorà?

–      Sono una telecamera mobile. Anche io sto lavorando. Se mi ritrovano senza almeno un servizio passo un guaio. Sa, sono ancora in prova.

–      … mmm… vabbè, ma che siano domande facili, che non posso perde la concentrazione: questo è l’incrocio più trafficato della zona.

–      Solo qualche domandina: è molto che lavora qui?

–      Un paio de settimane, un collega è ito in pensione.

–      A proposito: come si pone lei, rispetto alla questione delle pensioni?

–      A regà, t’ho detto di farmi domande facili, non me provocà, che se me gira la lanterna io qui blocco er traffico, metto il rosso e faccio succede er finimondo!

–      Va bene, non si scaldi, che mi perde il sincrono. Le piace questo lavoro?

–      E certo. Giallo, verde, rosso: e io me sento un generale, quasi tutti me rispettano.

–      Cos’è che, invece, non le piace?

–      È un lavoro usurante: pioggia, sole, smog, rumori. Però, ammazza che soddisfazioni!

–      Ha un desiderio?

–      Me piacerebbe dirigere una settimana a New York, ce sta un gran traffico pure là.

–      E…

–      No, mò basta, te ne devi andà che se s’accorge la vigilessa me fa trasferì in periferia.

–      Va bene. Mi scusi e grazie lo stesso.

–      Piuttosto, senti un po’, a coso…

–      Mi dica…

–      Hai detto che sei in prova?

–      Sì, in realtà sono una telecamera interinale, tra quindici giorni termina il mio contratto.

–      Te piacerebbe lavorà nell’ambito der traffico?

–      In che senso?

–      Se tu me sali in groppa, io dirigo e tu me filmi tutti quelli che non se fermano. Ahò, è l’affare der secolo, ce mettiamo in proprio e famo soldi a palate…