Danze fuori orario

 

Danze fuori orario

Danze fuori orario

 

 

 

 

Ebook SupercassieriLeggi l’anteprima

Silenzio… volete stare zitti? Stanno chiudendo la seconda serranda! Ecco, ancora un attimo che fa buio… ora s’accenderà la luce d’emergenza… un attimo solo vi dico! Vai, sono usciti!

Ehy tu, Passata Verace, vieni su sul mio scaffale che improvvisiamo un tango, anzi, una salsa! Pomodoro a pezzi, Pomodoro a pezzi: mi senti? Dato che sei in fondo, dà una voce ai sughi già pronti se pronti non sono già… ma sì, chiamali tutti, voglio i pesti in prima fila che mi servono per le coreografie: il Genovese deve stare in mezzo, tra il Siciliano e il Calabrese!

E voi, voi della frutta secca, cercate di muovervi di più, mi serve ritmo: le Noci, le Noci devono darmi un suono in sottofondo, mentre le Mandorle e le Nocciole che sono più piccole devono farmi un contro ritmo…

Pronto: reparto ammorbidenti? Qui è reparto passate che chiama: con chi sto parlando? Sono la Passata Rustica del primo scaffale. Ah, sei l’Ammorbidente alla Rosa Purpurea? Ti ricordi di me, ma sì, siamo arrivati insieme con la comanda della settimana passata! Stiamo preparando il ballo di fine giornata e mi servirebbero quattro di voi grossi flaconi che al momento dell’inciso spruzzino in aria tutto il loro liquido colorato. Chi puoi portare? Bè, sì, tu per il rosa, poi farebbe al caso quello alla Mela verde, e… un po’ di Arancio. Come? È stato venduto? Erano due confezioni… ah, certo, c’era l’offerta, me ne ero dimenticata. Vabbè, fai tu allora. E per l’Azzurro? La tinta sul blu deve essere rimasta perché mi ricordo che c’è stata una variazione prezzo verso l’alto e non può essere terminata… comunque, fai tu, ma mi raccomando: colori vari, altrimenti viene un’accozzaglia.

Porca miseria! Che avete combinato? Disintegrate in terra come due passate di strada. Ah, domani sentirete la signora delle pulizie… vi siete fatte male? Ben vi sta, cavolo. Voi non seguite i miei passi. Da quando siamo arrivati in questo punto vendita, non facciamo altro che provare e provare e provare: possibile che non vi entra in testa?

E voi, dico a voi della pasta: smettetela di giocare a scambiarvi i prezzi, altrimenti domattina qualcuno se ne accorge, gli addetti alla vendita saranno pure dei fessi, ma non esageriamo, eh?

Forza, proviamo il finale un’altra volta, voglio vedere i fiaschi e le damigiane dimenarsi, e i grappoli stringersi sui colli delle bottiglie, forza Passate, a ritmo di salsa lo voglio:

Quando la banda passò, volevo dirgli di no, ma il mio ragazzo era lì e allora dissi di sì…

 


Iscriviti alla newsletter


Iscrivendoti riceverai ulteriori risorse e notizie da Enrico Mattioli e potrai cancellare la tua registrazione in ogni momento. Vedi Privacy e Cookie Policy

Lascia un commento da Facebook