Supermercato: come orientarsi

 

 

Come orientarsi al supermercato

Supermercato: come orientarsi

 

Nonostante trent’anni nel settore della Grande Distribuzione, dodici dei quali come delegato sindacale, due testi pubblicati con ambientazione centro commerciale, non avevo mai scritto un post su come orientarsi al supermercato.

Diciamo subito e chiaramente che il supermercato perfetto non esiste. Non avvilitevi se la vostra scelta è insoddisfacente, i nostri quartieri sono pieni solo di banche e supermercati, ormai. In futuro i quartieri saranno edificati all’interno dei centri commerciali e le imprese di volantinaggio colmeranno le cassette della posta, come minimo quotidianamente, e comunque, con frequenza superiore all’attuale.

Caro Cliente su Amazon

Lo scrivo considerandomi dalla parte del consumatore: un supermercato va compreso nella sua essenza primaria. Che cosa significa? Voglio dire che il supermercato è ideato perché in un unico posto si trovi di tutto e non ci sia bisogno di andare altrove. L’esperienza, invece, mi dice che un negozio è preferibile per il pescato, un altro è da scegliere per la carne, tanto per fare un esempio. A questo proposito, sarebbero da prediligere quei punti vendita con un banco servito, oltre che con il reparto confezionato.

Però, la cosa da evitare assolutamente è: andare al supermercato senza avere le idee chiare, ancor più grave, senza avere idee. Una banale lista della spesa, è utile per non cadere nella tentazione di comprare ottimamente tutto quello di cui non avevate bisogno. La leggendaria frase faccio un giro al supermercato, va bene se si tratta solo di un giro, spesso, però, si torna carichi. Comunque vada, è da considerare che nel nostro carrello, qualcosa in più di ciò che avevamo deciso, scivola sempre: o quasi.

Un aspetto di cui prendere atto, è che non si può competere col supermercato di una grande catena commerciale. Puoi vincere una volta (di solito è l’ultima, poiché te la fanno passare), ma tutte le altre, soccombi. Questo perché un punto vendita è pensato da persone che hanno studiato il marketing e l’ambiente, la planimetria di un posto e la psicologia dell’acquisto. E presto, anzi, in questo momento, stanno studiando anche voi e le vostre abitudini.

Trucchi, espedienti: parliamo della musica? In quell’incantesimo di luci e odori e colori, in cui serene atmosfere sembrano lenire i vostri dolori, se va in onda il vostro brano preferito, arrendetevi: avete già perso. Ci sono tutti i presupposti perché in pochi attimi, il volume di merce nel vostro carrello supererà l’argine che vi eravate imposti.

Per non soccombere al supermercato, bisogna studiare la psicologia del nemico come lui, finora, ha studiato la vostra. Nei prossimi articoli tratterò di quand’è che si risparmia veramente al supermercato e delle offerte.

Fai una spesa consapevole!

 

 

 

 

PUBBLICAZIONI