Africa, il futuro non è utopia

    LA TELEVISIONE Sono passati trentatré anni dal progetto solidale Live Aid. Fu il primo grande raduno in diretta tv, il novantacinque per cento di televisioni collegate da tutto il pianeta. Il mondo del rock si stringeva a sostegno dell’Africa. In generale, la mia polemica sulla televisione non riguarda i contenuti proposti, ma la…

Continua a leggere →

Invalidità civile

    Ore 06.30 Quartiere Don Bosco a Roma. È un lunedì qualunque. Fila davanti al portone della USL. Il primo arrivato è il sor Girolamo, settantacinque anni e un tumore al rene. Attende di salire al piano quinto, dove richiedere il materiale protesico, le sacche e i pannoloni. È in coda per la moglie…

Continua a leggere →

Cronache dagli anni sessanta

    Ci sono cose che si conoscono e altre che non si conoscono. Esistono il noto e l’ignoto, e in mezzo ci sono Le Porte. I Doors sono i sacerdoti del regno dell’ignoto che interagisce con la realtà fisica, perché l’uomo non è soltanto spirito, ma anche sensualità. La sensualità e il male sono…

Continua a leggere →

Luna Park

      Ne I qualunquisti, c’è un passaggio in cui faccio riferimento al Luna Park: chi c’era mai stato, prima? – Chiedo. In effetti, io ho avuto bisogno del parco giochi fino ai venticinque anni e oltre. Non smisi mai di andare, smisi soltanto di raccontare in giro che ci tornavo. Era un viaggio…

Continua a leggere →

Facebook spiegato a mia madre

      Mia madre ha quasi novant’anni ma è meglio non ricordarglielo. La scorsa settimana, per esempio, davanti al cardiologo che chiedeva la sua età, lei mi ha rimproverato aspramente: – Io non ho novant’anni – rivendicava – ma ottantotto.   – Sì, lo so, ho arrotondato. – E allora perché non hai arrotondato verso…

Continua a leggere →

Al mio paese

    Ore 18,45, sta per iniziare la lezione di yoga. Sono in anticipo, entro per sistemarmi. L’istruttrice sta parlando con quella che usualmente è la mia vicina di materassino. Mi accomodo tra di loro perché ho intuito l’argomento. La donna apre il cellulare e mostra degli scatti fatti ad Accumuli, qualche tempo fa. Sono…

Continua a leggere →

Italiani

    Eravamo un popolo di navigatori e di poeti, poi siamo diventati milioni di commissari tecnici. Oggi siamo un popolo esperto nel lavoro degli altri. Fenomeni nel lavoro del prossimo e un pò meno nel nostro. Chi osserva gli altri lavorare, per esempio nei casi di quelle occupazioni a servizio di un cliente, è…

Continua a leggere →

La percezione della politica

    Charles Bukowski, a suo modo un assassino del sogno americano, era piuttosto caustico: la politica è come cercare di inculare un gatto. Sulla democrazia, diventava implacabile: la differenza tra dittatura e democrazia è che in democrazia prima si vota e poi si prendono ordini, in dittatura non dobbiamo sprecare il nostro tempo andando…

Continua a leggere →

Nessuna deontologia professionale

    Cos’è la deontologia professionale La deontologia (o codice etico) sarebbe un insieme di comportamenti che regolano una professione. Taluni professionisti dimostrano l’esatto contrario, ma bastano pochi esempi per macchiare intere categorie. La comunicazione (il trasferimento o flusso di informazioni), è il denomitatore comune che lega molti settori, per non dire tutti. Ora: la comunicazione…

Continua a leggere →

Fare impresa

      SEGNI PARTICOLARI: NON SO FARE NIENTE Caratteristica ideale, un tempo, a trovare lavoro per tutta la vita, oggi sociologi ed economisti, sentenziano di dimenticare l’utopia del posto fisso. Smettiamo di criticare sempre lo Stato o il sistema – dicono costoro – e mettiamoci all’opera: facciamo impresa. Troviamo molti concetti di questo tipo…

Continua a leggere →

Page 3 of 3