Facebook spiegato a mia madre

Mia madre ha quasi novant’anni ma è meglio non ricordarglielo. La scorsa settimana, per esempio, davanti al cardiologo che chiedeva la sua età, lei mi ha rimproverato aspramente:   – Io non ho novant’anni – rivendicava – ma ottantotto. – Sì, lo so, ho arrotondato. – E allora perché non hai arrotondato verso il basso?…

Continua a leggere →

Giochi di mente

C’è un inquilino moroso nella mia testa. Non ha mai pagato la pigione, eppure, dalla sua condizione d’insolvenza, comanda, dispone, impone la sua legge. Spazia a suo arbitrio, proponendo vecchie hit del periodo dell’adolescenza; la nenia diventa un tormento, poi sparisce, ma ritorna. Bivacca per giorni e io canto, canto, canto quella orribile cantilena che…

Continua a leggere →

Toro e bomber

L’altra notte, svegliandomi di soprassalto, ho scoperto che ciò che da sempre mi possedeva era svanito. Blocchi e tensioni battevano in ritirata. Tutto pareva facile adesso, ma non lo era. Mi sono sentito leggero pur se alterato e non ero mai stato così in forma. La mia testa era un jukebox, volati via tormenti e…

Continua a leggere →

Quello che gli uomini non dicono

Reduce da una visita prostatica necessaria a evitare pericolose ereditarietà, riflettevo sull’avvicinarsi del fatale mezzo cammin di nostra vita. A dirla tutta, io il mezzo cammin l’ho superato da un pezzo, e mi ritrovo sospeso tra selva e salvezza: beh, si fa presto a dire che la vecchiaia è quando non hai più voglie dentro…

Continua a leggere →

Genitori e figli

– Ecco, siediti qui con la palla che mamma deve fare una telefonata… non ti alzare, gioca ma seduto che devo telefonare a Roberto. E tieni d’occhio Stella che poi s’allontana e si perde… Stella? A cuccia, qua, vicino a Francesco… e tu non giocare con la palla che poi sudi. Ricordati di tenere d’occhio…

Continua a leggere →

Lo strano compiacimento di chiamarsi Enrinco

Una delle persone che collabora col mio sito, continua a chiamarmi Enrinco. Lapsus freudiano o refuso da tastiera, ormai mi sono abituato, anche se avrei preferito Enringo, per il richiamo al pistolero americano o alle avventure nel selvaggio west, magari anche per il celebre biscotto italiano o per il batterista inglese. A causa di un…

Continua a leggere →

Dove sta la felicità

Sono un uomo tranquillo. Me ne starei beatamente nel mio quartiere incontrando quei tre o quattro amici che ancora conservo, ma non per questo sono chiuso, anzi, adoro uscire dal guscio, pure se non sembra. Non ho un gran senso della difensiva e come tutte le persone pacifiche, posso capovolgere il mio stato se si…

Continua a leggere →

Breve manuale per tirare a campare

Amore, amicizia e affari, la sagra della lettera A. Sono incuriosito dalle persone ferrate nelle pubbliche relazioni, forse perché incapace di esserlo io. Cerco di capire come fanno, vorrei rubare i loro numeri ma poi non saprei che cosa farne. Innegabile che le pubbliche relazioni siano una chiave per il successo, a volte superiore alle capacità…

Continua a leggere →

Vivere senza lavorare

La maggioranza delle persone ha un lavoro che non la realizza ma gli consente di campare e perciò deve trovare la felicità (o la realizzazione) in altre direzioni. Il costo della vita la porta a vivere sulla soglia della serenità e l’attività lavorativa serve solo a questo. È lo schiacciamento che il lavoro produce sull’individuo…

Continua a leggere →