Le Americhe tra sogni, trattati e leggende

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Uomini bianchi Ognuno suo malgrado, è intriso d’America. Siamo filo occidentali per discendenza, legati alla bandiera stelle e strisce da trattati inviolabili. Apparteniamo, per ragioni che non abbiamo scelto, all’area yankee. Siamo noi, volenti o nolenti, gli uomini bianchi. Conserviamo, inconsciamente, la stessa presupponenza con cui i nostri antenati partivano…

Continua a leggere →

Invalidità civile

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Ore 06.30 È un lunedì qualunque nel quartiere Don Bosco a Roma. Fila davanti al portone della USL. Il primo arrivato è il sor Girolamo, settantacinque anni e un tumore al rene. Attende di salire al piano quinto, dove richiedere il materiale protesico,…

Continua a leggere →

Scrivere e fare un libro

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Differenze C’è differenza tra scrivere un libro e fare un libro, come riporta un arguto post di Susanna Casale in cui tratta del libro d’artista. Un oggetto deve comunicare con tutte le sue parti, cioè le forme, il materiale usato, il colore, l’impaginazione.…

Continua a leggere →

Cronache dagli anni ’60

      In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ci sono cose che si conoscono e altre che non si conoscono. Esistono il noto e l’ignoto, e in mezzo ci sono Le Porte. I Doors sono i sacerdoti del regno dell’ignoto che interagisce con la realtà fisica, perché l’uomo non…

Continua a leggere →

Fratello Grande

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Stanche giornate di luglio. Le vacanze ancora lontane. L’instabilità del tempo. Le serrande di molti negozi sono state sostituite da portoncini di abitazioni. Gli sfrattati hanno profittato del fallimento degli esercizi commerciali e adesso ci vivono dentro. Una ragazzina sgrulla la tovaglia …

Continua a leggere →

Come lasciar andare

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ognuno di noi voleva sembrare migliore di com’era realmente, ma tutti avevamo le tasche piene di anomalie. Ci truccavamo di giorno per nasconderle, ci tormentavamo la notte perché incapaci di rimuoverle. Sembravamo bellissimi. Parlavamo il conformismo dialettico usando sigle e gesti. Accorciavamo le distanze…

Continua a leggere →

Vivere senza soldi

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Sono le nove e trenta. Torno dai primi giri mattutini. Mi sono fermato davanti al centro anziani e guardavo le espressioni dei pensionati impegnati nei giochi all’aperto. Le bocce, le carte, la morra. A quest’ora saranno già rientrati nel locali all’interno per…

Continua a leggere →

Poche regole per diventare normali

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Bisognerebbe insegnare ai ragazzi a diventare persone normali e non a diventare qualcuno. Marcello Mastroianni dal film Stanno tutti bene Ogni attore spiega che il segreto della recitazione sta nel nascondere che si sta recitando. Il più grave paradosso dei nostri tempi sono i…

Continua a leggere →

Scherzi della mente

      Come diventare pazzi nel giro di poco tempo La mente, già, un inquilino moroso nella testa. Non ha mai pagato la pigione e dalla sua condizione d’insolvenza, comanda, dispone, impone la sua legge. Spazia a suo arbitrio, proponendo vecchie hit del periodo dell’adolescenza. La nenia diventa un tormento, poi sparisce, ma ritorna. Bivacca…

Continua a leggere →

Liverpool, prossima fermata

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Emilio Santini, detto anche Santillana, è il narratore di Storie di qualunquisti anonimi. Nel precedente post ho inaugurato delle appendici, la possibilità, cioè, che questi miei personaggi raccontino “ancora” un’altra storia.  Santillana è un insegnante di chitarra e offre lezioni su come affrontare il palco.…

Continua a leggere →