L’invasivo

Felicità Quello della felicità personale è un concetto che dovrebbe essere legato anche alla felicità altrui, ma quando questa non si raggiunge, qualcuno si accontenta che gli altri perdano la propria. Non intendo riferirmi alla felicità assoluta, il cui raggiungimento è complicato per chiunque, ma alla tranquillità quotidiana e alla serenità. Una palude si bonifica…

Continua a leggere →

Piombo sull’editoria

  L’altra mattina mi giungeva una mail pubblicitaria di una nota catena di librerie che evidentemente, a causa di precedenti acquisti di ebook, tiene il mio indirizzo. M’informano delle loro offerte: 30% su 9.000 libri, addirittura il 40% se ne acquisto 3. Questo tipo pubblicità – che non è l’unica – non è differente dai…

Continua a leggere →

Il libro è morto

    Marco Cubeddu in un post su ilGiornale, parlava di presentazioni come farsa. Diceva che per sostenere a proprie spese un viaggio allo scopo di presentare il proprio lavoro, evento cui senza la presenza di amici e parenti si va incontro a una toppa clamorosa, bisogna esseri ricchi di famiglia. E anche che bisogna essere degli inguaribili…

Continua a leggere →

Libri e mestieri

  Mestieri e misteri Perso in utopie e ipotesi, passo ancora il tempo cercando la via per vivere senza lavorare. E’ probabile che questa ricerca avrà il suo epilogo il giorno prima di essere sepolto o abbattuto o cremato. È una strada che non si trova sul satellitare: non esiste, almeno fino al momento in…

Continua a leggere →

Il parcheggio

  Tutto comincia con la sveglia. Ormai hai somatizzato l’ansia, al punto che ti alzi cinque minuti prima del detestato suono. Il bagno è libero. Gli altri familiari stanno ancora russando nel letto e ti muovi come uno zombie che conosce l’ambiente di casa. Una doccia calda scioglie le tensioni del corpo e il cervello…

Continua a leggere →

L’operaia

    Aveva sogni che diventarono rimpianti. A volte, soprattutto in certi giorni, le ritornano in mente. La vita, questa bastarda, le ha imposto un percorso diverso e s’è dovuta adattare. Si occupa di un’attività che non ama e deve tirare avanti. Eppure, c’è un momento, in ogni sua giornata, in cui il suo animo…

Continua a leggere →

Scorie urbane

    Vatti a fidare degli amici, dice un vecchio adagio. Circa un anno fa, dopo lunghe riflessioni e molti sforzi, misi in rete il mio nuovo sito con il marchio e lo slogan rinnovati. Un amico buontempone, subito dopo aver letto la frase, La mia scrittura assorbe le scorie della società, scrisse: per caso,…

Continua a leggere →

Caro Ministro

    È un ministro ipotetico il mio e le domande sono retoriche, il tono, certo, patetico, e non m’illudo che legga il post. Caro Ministro, si fa tanto parlare delle lacrime in tv, ma, come vede, si piange anche sul web. Veniamo al dunque. Ieri pomeriggio ho accompagnato un’amica al Pronto Soccorso per un’emergenza.…

Continua a leggere →

2 giugno, Festa della Repubblica

  Scrivere che la nostra Repubblica è stata concepita nel sospetto profondo, non è una forzatura. Questa è una cronaca fiabesca e un po’ ridanciana del 2 giugno 1946, giorno del referendum tra Monarchia e Repubblica, divenuto Festa della Repubblica Italiana. 2 giugno Quel giorno accade un fatto strano. Spariscono dei voti, ma non sono…

Continua a leggere →

Il cielo – Mi sono rotto il chakra

  MI SONO ROTTO IL CHAKRA – INTRO – Maestro, ieri ero in macchina e all’improvviso ho sentito il bisogno di fermarmi a contemplare il cielo… – Om… – Sì, il cielo, questo grande spazio indefinito e misterioso… – Om… – … ma invece di rasserenarmi… – Om… – … ho sentito una grave ansia…

Continua a leggere →

Page 2 of 15