Lettere dal Johnny’s pub – Presentazione

    Certificazione deposito autenticità – CC BY-NC-ND – Patamu –   In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Le vicende narrate in questo format sono frutto di fantasia e di affetto per i personaggi trattati, ma non hanno alcun riscontro se non nell’immaginazione. Le stelle sono descritte prendendo spunto da stereotipi, opere…

Continua a leggere →

Termini geneticamente modificati dalla pubblicità

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Tempo fa un collega di lavoro mi raccontò una storia. La figlia gli chiedeva dei soldi per l’acquisto di un nuovo cellulare. La ragazza rassicurava il padre che li avrebbe restituiti in sei comode rate. Ridemmo, io e lui, per quell’uscita. Sei comode rate. Chi…

Continua a leggere →

Bloggers e scrittori senza rete

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Blogger o scrittore? Me lo chiedo anch’io. Tecnicamente il blogger gestisce un diario in rete e ci scrive dei post, qualcosa simile agli articoli di giornale o meglio, dei commenti alle notizie. Più o meno, perché qualcuno potrebbe contraddirmi, ma nell’immaginario comune è una definizione…

Continua a leggere →

Libri, libretti, librazzi: il futuro dell’editoria è morto da un pezzo

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   No alle rime con librazzi. Leggo sempre della questione e-book sì, e-book no, crociate a favore di Amazon e movimenti contro lo strapotere del gruppo di Seattle. Editoria Si direbbe che l’ambiente internazionale dell’editoria sia in continuo fermento. Il che sarebbe un bene.…

Continua a leggere →

Uno scrittore dovrebbe scrivere poco, meglio se niente

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Consigli I giovani scrittori sono una specie, se di specie si tratta, che riceve infiniti consigli per il proprio lavoro. È improbabile che sbaglino mossa, visti gli innumerevoli testi che indicano loro (ai giovani scrittori), la strada. Gli scrittori saggi non riescono…

Continua a leggere →

Come restare scrittori senza lettori e senza editori

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Progetto Mettere ordine nell’oceano delle pubblicazioni indipendenti o della piccola editoria, è un progetto a dir poco ardito. Nel web ci sono un numero incalcolabile di siti, gruppi, associazioni, che si propongono di far crescere e diffondere la febbre della lettura. Un’opera necessita di tempo.…

Continua a leggere →

Confessioni di un self publisher

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Tutti sappiamo tutto sul mestiere più antico del mondo. Si parla poco del passatempo più antico, il self, ma dove c’è una necessità nasce, prima o poi, un’offerta. Ognuno ha cominciato masturbandosi, mi diceva Mino Reticolati quando eravamo ragazzi, l’importante è smettere e andare…

Continua a leggere →

Libro o ebook? Questo non è il problema

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Referendum Tutto sommato, io proporrei un referendum. Chi scrive, chi deve vendere un’opera, a mio modesto avviso, non dovrebbe nemmeno porsi la domanda. Va bene qualsiasi formato, anche la pietra o l’intonaco. In tempo di guerra, ogni buco è trincea e il libro è…

Continua a leggere →

Scrittori senza notorietà

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ho capito che uno scrittore doveva scrivere poco e niente, solo dopo aver scritto troppo. Scrivere è una condizione dello spirito e a volte anche dell’alcol: ci sono dosi sufficienti di poesia nel vino o nella birra e non bisogna giocare a essere Bukowski…

Continua a leggere →

La lettura insegna

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione LA PRIMA COSA CHE LA LETTURA INSEGNA È COME STARE DA SOLI Un aforisma di Jonathan Franzen. La correlazione tra lettura e solitudine, però, merita di essere chiarita al fine di superare un equivoco: si legge poco per non rischiare l’emarginazione. E poi, che cosa…

Continua a leggere →