John Lennon’s dossier: 8 dicembre 1980

8 dicembre 1980 – Notte – L’Inghilterra, avanti di cinque ore per il fuso orario, non sapeva ancora nulla. Soltanto le sonnecchianti guardie dei servizi di sicurezza e i viaggiatori molto mattinieri sentirono alla radio, grazie al Servizio Oltremare della BBC, un annuncio che nemmeno la voce rapida e convenzionale del commentatore del notiziario riusciva…

Continua a leggere →

Di quale rock band sei?

Quando mi capita di frequentare forum dedicati alla musica e in particolare ai grandi gruppi rock, spesso leggo di fans che si accapigliano sulle preferenze riguardanti i singoli membri: meglio John o Paul, Mick o Keith, Pete o Roger, Roger o David? Si potrebbe andare avanti per secoli senza arrivare da nessuna parte. Non è…

Continua a leggere →

George Harrison: vita di un giardiniere

“Sono una persona molto umile. Non voglio stare a tempo pieno nell’industria della musica, perché sono un giardiniere. Pianto fiori e li guardo crescere. Non vado ai locali o alle feste. Sto a casa e guardo il fiume che scorre”. Molti affermano che George Harrison fosse il meno interessato a essere un beatle e gli…

Continua a leggere →

Il segno di Banksy

Scendo le scale. L’ascensore è requisito dagli operai che lavorano allo scarico condominiale e nell’androne due inquilini stanno torchiando la portiera, preoccupati che non sia manomessa la colonna. Sbircio dentro la cassetta della posta, dove scadenze e bollette mi guardano beffarde, ma lascio gli avvisi giacere fino al ritorno dal mio giro. Estate piena a…

Continua a leggere →

Su queste pietre fondò un gruppo rock

Novembre 1960. Se il governo britannico non avesse annunciato la fine della leva obbligatoria, la storia della musica rock avrebbe avuto un percorso differente. Molti non potevano saperlo in quel momento, ancora non era accaduto nulla ma quell’annuncio unì simultaneamente migliaia di adolescenti: ognuno avrebbe avuto un biennio in aggiunta all’ordinario per coltivare l’immaturità prima…

Continua a leggere →

Quell’Eccellentissimo Ordine del Rock

  Capibranco di una Liverpool fintamente soporifera in cui centinaia di band esportavano il Mersey’s sound oltre alla muffa stagnante nelle cantine, i Beatles diventarono sovrani della London chicchissima di giorno e gaia di notte, dove la stampa digiuna gli mordeva le calcagna in attesa di una parabola per le masse di adolescenti. A quei…

Continua a leggere →

Romanzo rock

Tutti i soldi che gli avevamo fatto fare stavano finendo in delle piccole scatole nere, montate poi su quei cazzo di bombardieri americani per bombardare quel cazzo di Vietnam del Nord. Avrei preferito la Mafia alla Decca Records. Lo diceva Keith Richards saputo che la casa discografica, che con il gruppo di Jagger e Richards…

Continua a leggere →

Il buco di Warhol

Reduce dalla mostra su Warhol a Palazzo Cipolla in via del Corso a Roma (ultimo giorno ieri, un’ora di fila), sono rimasto affascinato dalla sua figura. A mio avviso Andy rappresenta l’artista del futuro per antonomasia, ha proclamato e creato una serie di cose folli in modo serioso riuscendo a essere credibile. Avendo già scritto…

Continua a leggere →

Rock around the clock

Il rock and roll non ha certo cambiato le cose nel mondo, ma la vita di molte persone sarebbe di certo stata diversa senza il rock and roll. Scrivevo così, più o meno (a volte non ricordo nemmeno il testo esatto dei miei libri) a un certo punto di Storie di qualunquisti anonimi. Cioè, quando mi…

Continua a leggere →