Ossessioni di uno scrittore

    M’interrogavo sul senso di scrivere. Ero svuotato e senza nulla da dire. Quando non hai niente da dire, meglio non dire niente. Questo, per la legge del marketing, sarebbe sbagliato: ripetere, ripetere, ripetere, è il trucco dell’evangelizzazione. Proposi dei filmati con le letture dei miei testi. Il mio viso nel video, mi era…

Continua a leggere →

Dietro le quinte di un libro

    C’è differenza tra scrivere un libro e fare un libro. Il libro è un oggetto che deve comunicare con tutte le sue parti, le forme, il materiale usato, il colore, l’impaginazione. Di tutto questo deve appropriarsi l’autore. Non è così scontato perché spesso chi scrive pensa che una volta terminato, compito che prevede…

Continua a leggere →

La postura delle parole

    Le parole sono importanti, direbbe Nanni Moretti. Già, ma come parlano le persone? Noi tutti usiamo mezzi espressivi diversi, secondo le circostanze. Con i bambini, non comunichiamo nel modo in cui lo facciamo con gli amici. E con i nostri amici, non comunichiamo come con chi conosciamo da poco. Addirittura tentiamo di farci…

Continua a leggere →

Uno, nessuno e Facebook

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Conosco persone che si sono cancellate da Facebook e sono ancora vive!   È solo una battuta, ma esprime la meraviglia del mondo che continua oltre i social media. A volte, le cose più ovvie sembrano irraggiungibili.   Alla base di tutto,…

Continua a leggere →

Scrivere e fare un libro

        In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Differenze C’è differenza tra scrivere un libro e fare un libro, come riporta un arguto post di Susanna Casale in cui tratta del libro d’artista. Un oggetto deve comunicare con tutte le sue parti, cioè le forme, il materiale usato, il…

Continua a leggere →

Come diventare un vero alieno

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Domenica, strade libere e ciclisti padroni dell’asfalto. Sembra che manchi il traffico delle automobili, dei fumi, del caos. Questa è dipendenza inconscia, come quando è festa. Esci, i negozi sono chiusi e ti senti a disagio perché hai fatto l’abitudine alle aperture libere e…

Continua a leggere →

Connessi o non connessi

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Non voglio essere connessa con niente che non sia me stessa, dice una signora piuttosto lucida prima della lezione di yoga, riferendosi all’uso smodato di apparecchi, di software e di applicazioni varie. Non siamo noi a usare “la macchina”, viviamo in sua funzione. La…

Continua a leggere →

Televisione

La tv è un’arma e come tale ci vorrebbe un permesso speciale sia per chi la fa e anche per chi ne fruisce o almeno, che il secondo sia cosciente del fatto che nuoce gravemente. Detto questo non ce l’ho con chi lavora in televisione, non amo lo snobismo, il mio è solo un grido…

Continua a leggere →

Editoria

Chi non ha un passaggio in televisione, non esiste. La televisione inventa la verità. La televisione governa. La televisione sposta opinioni, indirizza. Questa macchina si occupa delle masse, le minoranze non sono abbattute, è sufficiente non parlarne. E se non ne parli, appunto, non esistono.   Il mio pensiero è che la situazione del’editoria, oggi, è…

Continua a leggere →

Fuga da Facebook?

Il web è un mare dove tutti possono nuotare. E’ importante far chiarezza su un punto che dovrebbe essere scontato: la rete è un caledoiscopio di informazioni accessibili a tutti e con i social è diventata (la rete) un aggregatore dove ognuno esprime (o spaccia) il proprio punto di vista per informazione, generando un effetto…

Continua a leggere →

Page 1 of 3