Lettere dal Johnny’s pub – Il chitarrista irascibile

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Sono immaginarie le cose che possiedo. Dicono che la vera felicità sia liberarsi dei beni materiali, un concetto fuori dalla logica dei nostri giorni. Il mondo è strutturato perché si accumuli in abbondanza e la felicità è strettamente legata all’accumulare delle cose.  …

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub: a Johnny B. Cool non piacciono i Queen

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Possiedo molte cose, ma sono immaginarie. Non so spiegare perché ripeto questa frase, suppongo sia un marchio di fabbrica inconscio. E poi, in qualche modo, mi serve per legittimare i nostri discorsi qui al locale. In effetti, noi del Johnny’s pub, parliamo molto di…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Marley

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Possiedo molte cose, ma sono tutte immaginarie. Sebbene io sappia di essere sulla strada giusta, so anche di avere ancora molto da fare, e questo mi procura ansia. Vorrei addormentarmi e poi svegliarmi di colpo senza pesi nella testa. In passato ho provato la…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Il chitarrista diabetico

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Sono tutte immaginarie le cose che possiedo. E anche quelle che posso offrire. Questa iniziativa del pub sta andando bene. I musicisti sconosciuti mi chiedono di potersi esibire nel locale, ma a molti di loro non importa della propria musica, no: sperano…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Il Sergente Pepper

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Sono tutte immaginarie le cose che possiedo, ma oggi non ne afferro nemmeno una. È proprio come quando si guasta la frizione della moto e non puoi cambiare le marcie. Una giornata di noia, io sono seduto davanti alla televisione e continuo a cambiare…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Keith Richards

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Possiedo molte cose, ma sono immaginarie, tranne la musica. Ogni azione della mia giornata è suggestionata dal rock and roll, perfino dipingere le pareti di una cucina, poi c’è la birra a lenire i colpi bassi e alzare il volume del morale. È passato…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Sutcliffe

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Non riesco a dormire stanotte. C’è un tipo che abita nell’appartamento sopra il pub. Lui torna a casa sempre molto tardi, quando il mio negozio è ormai chiuso. Oh, sapete come sono le mura che dividono i locali: sottili come fogli di carta e potresti…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Richards, Belushi, Brown

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Le cose che possiedo sono immaginarie, ma quelle che mi fregano sono reali. I camerieri del Johnny’s pub, Johnny B. Strong e Johnny B. Cool, i due cuochi, Johnny B. Bup e Johnny Stand By, si uniscono in libera associazione e rivendicano diritti: ferie e…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Jagger

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Brutti presentimenti. Ho parlato troppo e quando ti esponi, sei vulnerabile. Ho ideato questo posto proprio per non avere guai. Le suggestioni negative sono dei morbi che bisognerebbe stroncare sul nascere per evitarne la proliferazione: un condizionamento prende il possesso della tua mente e questa…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Cita

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Possiedo molte cose, ma sono tutte immaginarie. Se la città è una giungla, questo pub è un’oasi. In fondo, noi tutti siamo animali domestici. Domestici perché? Ci siamo soltanto adattati al luogo in cui ci trovavamo, se fossimo vissuti realmente in una giungla, ci saremmo…

Continua a leggere →

Page 1 of 2