Scorie urbane

    Vatti a fidare degli amici, dice un vecchio adagio. Circa un anno fa, dopo lunghe riflessioni e molti sforzi, misi in rete il mio nuovo sito con il marchio e lo slogan rinnovati. Un amico buontempone, subito dopo aver letto la frase, La mia scrittura assorbe le scorie della società, scrisse: per caso,…

Continua a leggere →

I miei libri – Perché leggere?

    In tutti gli articoli riguardanti i miei libri, c’è un focus che contiene una domanda: perché leggere questo libro?     Sono sempre stato un immaturo determinato e col passare del tempo questa mia… peculiarità s’è elevata alla massima potenza. Oggi sono un immaturo professionista e confrontarmi con la praticità della vita reale…

Continua a leggere →

Passioni

    Ci sono molte fasi che nella vita non supereremo mai. Mi viene in mente il film Febbre a 90°, quando il padre, nel rispondere al figlio che gli chiede di accompagnarlo per l’ennesima volta allo stadio, gli dice: credevo che avessimo superato questa fase. Noi non supereremo mai questa fase, è la risposta…

Continua a leggere →

Da una gabbia all’altra

  L’idea che mi spinse a scrivere Gabbie, era quella del contrasto tra il Terzo Mondo (e il Sud America) e la civiltà industrializzata. Ho sempre sostenuto le Associazione Onlus. Sono tante e con nobili principi che, inevitabilmente, finisco per stilare una lista. Dover selezionare, scartarne una anziché un’altra, era un’attività penosa. Chi decide, chi…

Continua a leggere →

Identità, una questione sospesa

      Perché un soprannome è più indicativo del nostro nome? Le generalità sono il frutto della scelta di altri, presto o tardi, quando entreremo nel mondo del lavoro, quelle lettere diventeranno numeri. Un nomignolo, invece, è legato a un fatto realmente accaduto o a una caratteristica personale e in qualche maniera rivela la…

Continua a leggere →

Offerte speciali

    La natura umana sembrava subire un incantesimo: in un unico luogo trovava di tutto. Un tempo erano stati la fiera o il mercato a compiere la stregoneria, poi il centro commerciale. Chi veniva per svago era la preda più ambita, perché era un potenziale cliente. La percentuale di persone, soprattutto nel fine settimana,…

Continua a leggere →

Liverpool, prossima fermata

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Emilio Santini, detto anche Santillana, è il narratore di Storie di qualunquisti anonimi. Nel precedente post ho inaugurato delle appendici, la possibilità, cioè, che questi miei personaggi raccontino “ancora” un’altra storia.  Santillana è un insegnante di chitarra e offre lezioni su come affrontare…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è – capitolo sei

      Certificazione di deposito – CC BY-NC-ND   Gennaio. È la vigilia della befana. Il molare torna in eruzione e sputa colate di pus tra le mie gengive. Un dissesto orale, la guancia sinistra si dilata e la mia identità subisce un contraccolpo. Salgo in macchina e corro per scappare dal dentologo. Sono…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è

          Perché leggere questo libro?   Se in Avvisiamo la gentile clientela, il tema identitario girava intorno al vezzeggiativo, ne La rivoluzione che non c’è, il protagonista esegue un taglio netto con il suo passato: si cambia addirittura il nome e diventa Nick La Puzza. Mentre in Storie di qualunquisti anonimi,…

Continua a leggere →

Il bamboccione – capitolo secondo

      Certificato di deposito – CC BY-NC-ND   Piove. È una metropoli succube di reumatismi alle infrastrutture. Il treno della metro si ferma alla stazione Furio Camillo e ci fanno scendere. La gente si accalca. Un addetto informa che un calo di tensione elettrica ha causato un’interruzione del servizio. I passeggeri sono invitati…

Continua a leggere →

Page 1 of 3