Il tempo non esiste

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   In un vecchio film tra pellerossa e visi pallidi, un uomo bianco chiedeva all’indiano da quanto tempo era passata una carovana. L’altro non capiva la domanda, non comprendeva, cioè, il concetto di tempo. Alla fine, i due trovano un accordo sul termine: per il…

Continua a leggere →

Centro commerciale e aperture festive

        In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   “Un settore è lo specchio di un sistema e quando mi guardo intorno, vedo solo settori in crisi”. Gabbie   Introduzione Ci risiamo. In Italia è scoppiata l’ennesima disputa. È il turno delle chiusure domenicali degli esercizi commerciali e l’introduzione…

Continua a leggere →

Cronache dagli anni ’60

      In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ci sono cose che si conoscono e altre che non si conoscono. Esistono il noto e l’ignoto, e in mezzo ci sono Le Porte. I Doors sono i sacerdoti del regno dell’ignoto che interagisce con la realtà fisica, perché l’uomo non…

Continua a leggere →

Come diventare un vero alieno

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Domenica, strade libere e ciclisti padroni dell’asfalto. Sembra che manchi il traffico delle automobili, dei fumi, del caos. Questa è dipendenza inconscia, come quando è festa. Esci, i negozi sono chiusi e ti senti a disagio perché hai fatto l’abitudine alle aperture libere e…

Continua a leggere →

Campionato mondiale 2018: alla riscoperta del tifo

Dalla Russia con ardore Forza azzurri, ci vediamo in Qatar!   In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Scrivo l’articolo mentre inizia l’incontro tra Svezia e Svizzera. Terminerà con il passaggio degli svedesi, quelli che hanno eliminato gli azzurri, ai quarti. È singolare questo Campionato mondiale in Russia. L’Italia aveva mancato la…

Continua a leggere →

Il tempo inutile

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione     In ogni attività, si taglia ciò che non produce un guadagno. D’accordo, siamo esseri umani (quasi…) e non aziende (chissà…), ma avete considerato il tempo dedicato alle cose inutili? Gran parte dei nostri pensieri – negativi, ma non solo – sono soltanto immagini…

Continua a leggere →

Connessi o non connessi

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Non voglio essere connessa con niente che non sia me stessa, dice una signora piuttosto lucida prima della lezione di yoga, riferendosi all’uso smodato di apparecchi, di software e di applicazioni varie. Non siamo noi a usare “la macchina”, viviamo in sua funzione. La…

Continua a leggere →

Libertà

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Soggettività Francamente io di questa società faccio parte mio malgrado. Mi è estranea, ignoro la direzione presa e non capisco la gente. Accetta qualsiasi cosa dando sfoggio di saggezza: avvelenarsi il sangue serve a poco, meglio sopravvivere finché si può. Alla fine, come il conto,…

Continua a leggere →

Italiani

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Eravamo un popolo di navigatori e di poeti, poi siamo diventati milioni di commissari tecnici: oggi siamo un popolo esperto nel lavoro degli altri. Siamo fenomeni nel lavoro altrui e un pò meno nel nostro… Chi osserva gli altri lavorare, per esempio nei casi…

Continua a leggere →

La percezione della politica

In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Charles Bukowski, a suo modo un assassino del sogno americano, era piuttosto caustico: la politica è come cercare di inculare un gatto. Sulla democrazia, diventava implacabile: la differenza tra dittatura e democrazia è che in democrazia prima si vota e poi si prendono ordini,…

Continua a leggere →

Page 1 of 2