A proposito di Cesare

Tutto comincia sempre prima della lezione di yoga. Si arriva in anticipo, ci si siede sul tappeto per prepararsi al rilassamento; le difese si abbassano, si discute del più e del meno in attesa che le luci si spengano e resti solo un lume a suggellare le nostre chiacchiere per poi disperderle nel calar del…

Continua a leggere →

Aria di casa

Negli ultimi anni ho avuto il cruccio di una lunga lista di faccende che non mi piace fare con la conseguenza di non avere ben chiaro che cosa mi appagava. Soltanto adesso riesco a percepire cosa voglio, l’ho capito all’improvviso o forse l’ho sempre saputo e non vedevo. Ci sono dei giorni simili a un…

Continua a leggere →

Punto Spazio Punto

Sospeso tra lo spettacolo del mondo e il mondo dello spettacolo senza distinguerne più la difformità, assisto con demotivazione al lento scorrere: nemmeno il satellitare più preciso saprebbe guidarmi nella direzione giusta sul dove andare a parare. Definire tutto ciò spettacolo è un eufemismo. L’altra notte ho sognato mio padre che ha terminato la sua…

Continua a leggere →

Io sono il demonio

Affrontare i propri demoni non è semplice. L’egocentrismo andrebbe regolarmente denunciato.   Più trovo me stesso e più mi faccio schifo. Più cerco certezze e più trovo macerie. Più invoco la pace e più raccolgo minacce. Più vivo la vita e più muoio lentamente.   Sono salito sopra un monte per dominare dall’alto. Da un…

Continua a leggere →

Cavaliere nella tempesta

Sono sempre stato un immaturo cronico, in bilico tra gli ingranaggi del tempo che passa, il fisico che inesorabile sfiorisce e l’ambiente intorno che giudica le mie mosse.   Chi sono veramente? Che cosa lascio trasparire e cosa nascondo? Come mi vedono gli altri? Chi vorrei essere?   Dilemmi. Nella mia vita, il caso più…

Continua a leggere →

Elogio della stanchezza

Siamo pianeti fuori dalla propria orbita, viviamo in sepolcri dove lasciamo foto che ogni tanto cambiano, segniamo date e ricorrenze, inviamo messaggi che ogni tanto qualcuno legge ma anche baciamo il culo a un falso amante che vuole fotterci. E abbiamo amici, qualcuno i migliori, qualcun altro quelli che si merita, e piacciamo, votiamo, esprimiamo,…

Continua a leggere →

Il paese dei balocchi

Musica, yoga, meditazione, un libro che mi piaccia: ognuno avrebbe diritto alla bisboccia. Se una qualsiasi autorità favorisse tale condizione, la voterei a prescindere. Non m’interessano discorsi farciti di nuovi significati, la vita vola via troppo veloce. La gioia di vivere, magari razionata, dovrebbe passarla la mutua e lo Stato, preoccuparsi di garantire allegrezza sufficiente,…

Continua a leggere →

Al mio paese

Ore 18,45, sta per iniziare la lezione di yoga. Sono in anticipo, entro per sistemarmi. L’istruttrice sta parlando con quella che usualmente è la mia vicina di materassino. Mi accomodo tra di loro perché ho intuito l’argomento. La donna apre il cellulare e mostra degli scatti fatti ad Accumuli, qualche tempo fa. Sono macerie, è…

Continua a leggere →

Buoni propositi

Continuerò ancora a seguire il sentiero coperto da foglie ingiallite e ad accorgermi del susseguirsi delle stagioni, a cercare una serenità irraggiungibile senza lasciarmi penetrare dalla pazzia altrui, dallo spreco di tempo e dagli sforzi che comportano gli obiettivi, perché, a ben vedere, ogni fine è inutile se subito dopo è cancellato per far posto…

Continua a leggere →

Una foglia

Quando una foglia cade dall’albero, con la stessa sincronia, accadono milioni di altre cose in altrettanti posti. Fatti grandi e piccoli, banali e inconsueti. Quella foglia continuerà a cadere con la medesima ciclicità per altre stagioni, per uguali ragioni; non quella foglia, ahimè, ma un’altra e poi un’altra ancora. Io resto qui a osservarla, seguendone…

Continua a leggere →