Consigli al vincitore del SUPERENALOTTO

  Innanzitutto, complimenti. La tua vita sta cambiando. Non perdere la testa. Respira. Conta fino a quanto puoi, fai una passeggiata. Cerca di rilassarti. Ora, io non posso sapere per quali e quante trame la tua vita si è svolta, ma cerca di condurre il proseguo conducendo percorsi no stress. Fai partenze intelligenti. Nuova vita…

Continua a leggere →

Cronache di quartiere

Sono sempre ossessionato dai grandi romanzi. Mi riferisco, nello specifico, al capolavoro di Georges Perec, La vita e istruzioni per l’uso. Nel mio articolo, com’è ovvio, non c’è molto di culturale, se non l’aver citato l’autore francese. Il minimalismo, la corrente (se di corrente si può parlare, visto che il padre non amava definirsi tale)…

Continua a leggere →

La metamorfosi

    Stavo cercando di cambiare vita. Nel giro di un paio di mesi, avrei perso il lavoro e dovevo organizzarmi. Il tempo stringeva, era il nemico principale e mordeva le caviglie. Da un lato, mi sarebbe mancata la fonte di sussistenza. Dall’altro, avrei chiuso per sempre rapporti ipocriti alimentati per inerzia nel corso di…

Continua a leggere →

I colori dell’aperitivo

    Ho sempre associato l’aperitivo al tempo libero. O meglio, al buco tra un impegno e un altro. È il drink che uso fare prima di una cena piacevole e che deve predisporre al pasto, quindi, non amo gli apericena, termine selvaggio e rituale tipico di chi parcheggia in doppia fila. L’aperitivo ideale, per…

Continua a leggere →

Renato Nicolini – Il mio sindaco, non ha mai fatto il sindaco

    Il mio sindaco, non ha mai fatto il sindaco    Ogni volta che viene estate, mi ricordo di Renato Nicolini, padre dell’Estate Romana nel lontano 1977. Nato sotto il segno dei pesci, il primo di marzo del 1942, sarebbe stato ovvio scrivere di lui il giorno che ci ha lasciati, il quattro agosto…

Continua a leggere →

Robot

      Tempo fa guardavo in tv il programma Presa diretta di Riccardo Iacona. L’inchiesta era Il Pianeta dei robot. Non si trattava del futuro, ma del presente. Robot già operanti in aziende come Amazon, ma anche negli ospedali, negli uffici, nelle imprese alimentari, in qualche supermercato. Ricoprono qualsiasi ruolo: conducenti, avvocati, giornalisti, operai,…

Continua a leggere →

Ossessioni di uno scrittore

    M’interrogavo sul senso di scrivere. Ero svuotato e senza nulla da dire. Quando non hai niente da dire, meglio non dire niente. Questo, per la legge del marketing, sarebbe sbagliato: ripetere, ripetere, ripetere, è il trucco dell’evangelizzazione. Proposi dei filmati con le letture dei miei testi. Il mio viso nel video, mi era…

Continua a leggere →

Dietro le quinte di un libro

    C’è differenza tra scrivere un libro e fare un libro. Il libro è un oggetto che deve comunicare con tutte le sue parti, le forme, il materiale usato, il colore, l’impaginazione. Di tutto questo deve appropriarsi l’autore. Non è così scontato perché spesso chi scrive pensa che una volta terminato, compito che prevede…

Continua a leggere →

Guardavamo le partite alla radio

  Nella dispensa, dove conservo i pacchi di pasta, c’è una radiolina della Voxon modello Zephyr con la custodia in cuoio di color marrone. Ormai non è più funzionante, ma la tengo ancora. Papà, avvolto in una nuvola di fumo, restava affacciato alla piccola finestra della cucina e guardava di fuori. Ogni domenica, alle 15,30,…

Continua a leggere →

Allucinazioni estive

    Il caldo in città trasforma tutti in moribondi, paralizza il fisico, toglie ogni volontà. L’altra sera, mentre l’afa frantumava le ossa e i pensieri irrancidivano insieme alle nervature, sono uscito sul balcone a cercare refrigerio. Perfino il climatizzatore aveva avuto la peggio su un’ennesima giornata afosa, agitandosi in un triste coro condominiale di…

Continua a leggere →

Page 1 of 15