Il semaforo

  Una vecchia trasmissione, Domenica Dee Jay, erano le Audiostorie, una collaborazione con Radio Dee Jay. Un mio breve racconto in onda. Anno 2007     –      Scusi? –      Chi è? –      Posso farle delle domande? –      Ahò, ma non lo vedi che sto a lavorà? –…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Il Sergente Pepper

Sono tutte immaginarie le cose che possiedo, ma oggi non ne afferro nemmeno una. È proprio come quando si guasta la frizione della moto e non puoi cambiare le marcie. Una giornata di noia, io sono seduto davanti alla televisione e continuo a cambiare canale. Spengo la tv e accendo la radio. Mi sintonizzo su un…

Continua a leggere →

Lettere dal Johnny’s pub – Keith Richards

Possiedo molte cose, ma sono immaginarie, tranne la musica. Ogni azione della mia giornata è suggestionata dal rock and roll, perfino dipingere le pareti di una cucina, poi c’è la birra a lenire i colpi bassi e alzare il volume del morale. È passato un po’ di tempo dall’apertura del Johnny’s pub, e non pensavo…

Continua a leggere →

Il tempo inutile

  In ogni attività, si taglia ciò che non produce un guadagno. D’accordo, siamo esseri umani (quasi…) e non aziende (chissà…), ma avete considerato il tempo dedicato alle cose inutili? Gran parte dei nostri pensieri – negativi, ma non solo – sono soltanto immagini o parole generate dalle paure, dalle insicurezze e formano un ristagno.…

Continua a leggere →

Connessi o non connessi

Non voglio essere connessa con niente che non sia me stessa, dice una signora piuttosto lucida prima della lezione di yoga, riferendosi all’uso smodato di apparecchi, di software e di applicazioni varie. Non siamo noi a usare “la macchina”, viviamo in sua funzione. La sua è una sintesi efficace sull’essenza delle pratiche mistiche. In un…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è – capitolo sei

  Gennaio. È la vigilia della befana. Il molare torna in eruzione e sputa colate di pus tra le mie gengive. Un dissesto orale, la guancia sinistra si dilata e la mia identità subisce un contraccolpo. Salgo in macchina e corro per scappare dal dentologo. Sono quasi arrivato, ma una pattuglia di sgherri, all’incrocio, mi…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è

      IL PASSATO PRESTATO A UN PRESENTE LIQUIDO IN UN FILO NARRATIVO INTRISO DI TROVATE SORPRENDENTI   di David Giacanelli  Come Enrico Mattioli ci ha spesso abituato, grazie ai suoi libri riusciamo a vivere di speranze, di valori per noi insormontabili. In un Paese dove tutto è diventato “post”, perché qualcuno l’ha deciso…

Continua a leggere →

Il bamboccione – capitolo terzo

Sono sul piazzale della stazione Tuscolana. Mi piace guardare i treni mentre sorseggio una birra di primo prezzo presa al discount. Comunitario in mezzo agli irregolari dell’est sudati, seduti e sedati da prezzi alcolici di medesima convenienza. Una fila di mediorientali attende un pulmino per occupazioni di caporalato. Provo la sensazione banale e cinematografica di…

Continua a leggere →

Il bamboccione

  NOTE È il diario di un precario. Renato Calloni lavora in un grande magazzino ma i colleghi lo coinvolgono in un traffico di cocaina in cui sono implicati dirigenti e quadri aziendali. È un circolo vizioso e benché Renato sia estraneo alla vicenda, non riesce a dimostrare la sua innocenza. I rapporti con la…

Continua a leggere →

Stelle di polvere – capitolo tre

          I guai nella mia carriera ebbero inizio in un teatro della lontana Este, provincia di Padova, per via di uno spettacolo dal titolo Confessioni di un’attrice d’insuccesso, in cui si portavano in scena le angherie subite da una ragazza di belle speranze. Io recitavo la parte del maestro che dalle…

Continua a leggere →

Page 1 of 12