Category Archives: Satira e metafisica

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Come esportare la Terra Promessa

    Terra promessa: AMERICA LATINA E AFRICA Anni fa leggevo il libro di Gianni Minà, Continente desaparecidos. Nel testo si affrontava il tema della miseria e delle guerre nel mondo: se due format economici tali a comunismo e socialismo hanno fallito, possiamo affermare che il capitalismo abbia trionfato? La carestia è ancora una costante…

Continua a leggere →

Il goniometro – Tutto è relativo

    Sappiate avere torto, il mondo è pieno di gente che ha ragione. È per questo che marcisce. Louis-Ferdinand Céline Io la chiamo teoria del goniometro. E’ lo strumento che serve per la misurazione degli angoli, ma anche per pesare la verità assoluta, quella considerazione che molti pensano di possedere. In cosa consiste? Si pone…

Continua a leggere →

Scherzi della mente

    Come diventare pazzi nel giro di poco tempo La mente, già, un inquilino moroso nella testa. Non ha mai pagato la pigione e dalla sua condizione d’insolvenza, comanda, dispone, impone la sua legge. Spazia a suo arbitrio, proponendo vecchie hit del periodo dell’adolescenza. La nenia diventa un tormento, poi sparisce, ma ritorna. Bivacca per…

Continua a leggere →

Karl Marx tra consumismo e meditazione

Karl Marx In Caro cliente, scrivo che il compagno Terapia, passando al setaccio l’analisi della società capitalista operata da Marx, ripete il concetto per cui i rapporti tra le persone sono mediati attraverso le merci, quindi non autentici. Ad ascoltarlo c’è l’imperturbabile cassiere Vacca, che della differenza tra valore e prezzo di una merce se…

Continua a leggere →

Il compiacimento di chiamarsi Enrinco

  Compiacimento ridens   È un compiacimento imbecille il mio. Lapsus freudiano o refuso da tastiera, ormai mi sono abituato: una delle persone che collabora col mio sito, continua a chiamarmi Enrinco. Avrei preferito Enringo, per il richiamo al pistolero americano o alle avventure nel selvaggio west, magari anche per il celebre biscotto italiano o per il batterista…

Continua a leggere →

Dove sta la felicità

  La ricerca Sono un uomo tranquillo. Me ne starei beatamente nel mio quartiere incontrando quei tre o quattro amici che ancora conservo, ma non per questo sono chiuso, anzi, adoro uscire dal guscio, pure se non sembra. Non ho un gran senso della difensiva e come tutte le persone pacifiche, posso capovolgere il mio…

Continua a leggere →

Breve manuale per tirare a campare

  breve manuale   Amore, amicizia e affari Sono incuriosito dalle persone ferrate nelle pubbliche relazioni, forse perché incapace di esserlo io. Cerco di capire come fanno, vorrei rubare i loro numeri ma poi non saprei come usarli. Innegabile che le pubbliche relazioni siano una chiave per il successo, a volte superiore alle capacità stesse della…

Continua a leggere →

Elogio della stanchezza

  Elogio della stanchezza Siamo pianeti fuori dalla propria orbita. Viviamo in sepolcri dove lasciamo foto che ogni tanto cambiano. Segniamo date e ricorrenze, inviamo messaggi che ogni tanto qualcuno legge ma anche baciamo il culo a un falso amante che vuole fotterci. E abbiamo amici, qualcuno i migliori, qualcun altro quelli che si merita.…

Continua a leggere →

Il paese dei balocchi

Musica, yoga, meditazione, un libro che mi piaccia: ognuno avrebbe diritto alla bisboccia. Se una qualsiasi autorità favorisse tale condizione, la voterei a prescindere. Non m’interessano discorsi farciti di nuovi significati, la vita vola via troppo veloce. La gioia di vivere, magari razionata, dovrebbe passarla la mutua e lo Stato, preoccuparsi di garantire allegrezza sufficiente,…

Continua a leggere →

Una foglia

    Una foglia sta cadendo dall’albero. La osservo nella sua leggerezza, oscillare come se fosse a rallentatore. Quella foglia continuerà a cadere con la medesima ciclicità per altre stagioni: non quella foglia, ahimè, ma un’altra e poi un’altra ancora.  Milioni di altre cose, in altrettanti posti, accadono con la stessa sincronia. Fatti grandi e piccoli,…

Continua a leggere →

Page 2 of 3

Enrico Mattioli