Category Archives: Satira e metafisica

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Deus ex machina – Il singolare caso dell’immagine di Dio

    Dio mantiene la sostanza di quello che profetizza, ma delude molto spesso il nostro immaginario, poiché una cosa è un Dio inventato dal nostro bisogno psicologico, una cosa invece è il Dio reale. Luigi Maria Epicoco Deus ex machina Caldo boia. Argomento scottante. Due premesse esplosive. TV in sottofondo. Un cantante, di quelli…

Continua a leggere →

Lo scemo del villaggio – La felicità è una scelta

    E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante. Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry – Il piccolo Principe Spesso, associamo alla felicità l’assenza di preoccupazioni, di responsabilità, e anche una particolare deficienza: come…

Continua a leggere →

Il tempo non aspetta nessuno – da Epicuro ai Rolling Stones

    Riflettevo sulla differenza che esiste tra guardare l’orario e consultare il calendario. Nella vita che conduciamo, non potremmo fare a meno dell’ora che scandisce la nostra marcia. Eppure, tempo fa scrissi un articolo dal titolo Il tempo non esiste: questo significa che ci prodighiamo e ci sbattiamo per qualcosa d’inutile, in quanto non…

Continua a leggere →

Il tempo non esiste

    In un vecchio film tra pellerossa e visi pallidi, un uomo bianco chiedeva all’indiano da quanto tempo era passata una carovana. L’altro non capiva la domanda, non comprendeva, cioè, il concetto di tempo. Alla fine, i due trovano un accordo sul termine: per il pellerossa si tratta di quante lune sono passate e…

Continua a leggere →

Come esportare la Terra Promessa

    Terra promessa: AMERICA LATINA E AFRICA Anni fa leggevo il libro di Gianni Minà, Continente desaparecidos. Nel testo si affrontava il tema della miseria e delle guerre nel mondo: se due format economici tali a comunismo e socialismo hanno fallito, possiamo affermare che il capitalismo abbia trionfato? La carestia è ancora una costante…

Continua a leggere →

Il goniometro – Tutto è relativo

      Sappiate avere torto, il mondo è pieno di gente che ha ragione. È per questo che marcisce. Louis-Ferdinand Céline Io la chiamo teoria del goniometro. E’ lo strumento che serve per la misurazione degli angoli, ma anche per pesare la verità assoluta, quella considerazione che molti pensano di possedere. In cosa consiste? Si…

Continua a leggere →

Scherzi della mente

    Come diventare pazzi nel giro di poco tempo La mente, già, un inquilino moroso nella testa. Non ha mai pagato la pigione e dalla sua condizione d’insolvenza, comanda, dispone, impone la sua legge. Spazia a suo arbitrio, proponendo vecchie hit del periodo dell’adolescenza. La nenia diventa un tormento, poi sparisce, ma ritorna. Bivacca per…

Continua a leggere →

Karl Marx tra consumismo e meditazione

      In Avvisiamo la gentile clientela, scrivo che il compagno Terapia, passando al setaccio l’analisi della società capitalista operata da Marx, ripete il concetto per cui i rapporti tra le persone sono mediati attraverso le merci, quindi non autentici. Ad ascoltarlo c’è l’imperturbabile cassiere Vacca, che della differenza tra valore e prezzo di…

Continua a leggere →

Il compiacimento di chiamarsi Enrinco

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Compiacimento ridens   È un compiacimento imbecille il mio. Lapsus freudiano o refuso da tastiera, ormai mi sono abituato: una delle persone che collabora col mio sito, continua a chiamarmi Enrinco. Avrei preferito Enringo, per il richiamo al pistolero americano o alle avventure nel selvaggio west,…

Continua a leggere →

Dove sta la felicità

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione La ricerca   Sono un uomo tranquillo. Me ne starei beatamente nel mio quartiere incontrando quei tre o quattro amici che ancora conservo, ma non per questo sono chiuso, anzi, adoro uscire dal guscio, pure se non sembra. Non ho un gran senso…

Continua a leggere →

Page 1 of 2

Enrico Mattioli