Category Archives: Satira e metafisica

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Satira e metafisica – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Elogio del cagotto

    Quando ero un ragazzino, soffrivo del complesso dei genitori adulti. Una volta papà venne a prendermi a scuola e io mi vergognai, perché era evidente che di fronte agli altri padri, era avanti con l’età. Lo chiamai zio, probabilmente lui neanche sentì. Avevo circa otto anni. Trovai una ragione a questo problema assurdo,…

Continua a leggere →

Importanza delle cose

    In fin dei conti, abbiamo dato troppa importanza alle cose che credevamo importanti: le donne agli uomini, i maschi alle femmine. Nel bene e nel male, almeno una volta, tutti abbiamo idealizzato qualcuno (o qualcosa), che avrebbe risolto le nostre insufficienze esistenziali con la sola imposizione del sentimento. Abbiamo considerato fondamentale l’amore che, tanto…

Continua a leggere →

Storie di calcio

        Beh, la nostra era un’armata Brancaleone. Dovevamo sfogare gli impeti adolescenziali e avevamo bisogno di sognare. Il calcio, prima delle ragazze o della musica, era una misurazione di quello che sapevamo fare di buono. Un parametro traditore, come conferma la vita. L’età adulta avrebbe sovvertito quell’ordine o in qualche caso lo…

Continua a leggere →

I disegni – #VecchioFreak

disegni     … mi trovo all’interno della mia macchina e subisco un tamponamento da parte di una volante della Polizia… per qualche attimo non sono in grado di concepire pensieri, le mani sulla testa e non riesco a vedere bene… rumori di clacson e voci sguaiate fuori… odore di carburante e di bruciato, io…

Continua a leggere →

Le nuvole – #VecchioFreak

Le nuvole   Invecchiare è divertente perché ti liberi dalle zavorre e non ti preoccupa il pericolo di sparare cazzate. Le tue parole formano concetti che non appartengono più a nessuno: non hai un progetto di vita, inteso nel senso borghese del termine; non hai ambizioni particolari, se non di vivere gli attimi sperando che…

Continua a leggere →

Charles Darwin tra evoluzione e involuzione della specie

    Osservare la gente è il più grande spettacolo del mondo. Nei raggi delle nostre cerchie, troviamo rapporti formali, amichevoli, parentali, affettivi e professionali. Tra questi qualcuno s’è conservato, qualcun altro s’è perso di vista; altri si sono sviluppati, altri ancora rovinati. Tutti, indistintamente, costituiscono il bagaglio della nostra esperienza. Abbiamo visto queste persone…

Continua a leggere →

Deus ex machina – Il singolare caso dell’immagine di Dio

    Dio mantiene la sostanza di quello che profetizza, ma delude molto spesso il nostro immaginario, poiché una cosa è un Dio inventato dal nostro bisogno psicologico, una cosa invece è il Dio reale. Luigi Maria Epicoco Deus ex machina Caldo boia. Argomento scottante. Due premesse esplosive. TV in sottofondo. Un cantante, di quelli…

Continua a leggere →

Lo scemo del villaggio – La felicità è una scelta

    E’ il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante. Non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. Antoine de Saint-Exupéry – Il piccolo Principe Spesso, associamo alla felicità l’assenza di preoccupazioni, di responsabilità, e anche una particolare deficienza: come…

Continua a leggere →

Il tempo non aspetta nessuno – da Epicuro ai Rolling Stones

    Riflettevo sulla differenza che esiste tra guardare l’orario e consultare il calendario. Nella vita che conduciamo, non potremmo fare a meno dell’ora che scandisce la nostra marcia. Eppure, tempo fa scrissi un articolo dal titolo Il tempo non esiste: questo significa che ci prodighiamo e ci sbattiamo per qualcosa d’inutile, in quanto non…

Continua a leggere →

Il tempo non esiste

    In un vecchio film tra pellerossa e visi pallidi, un uomo bianco chiedeva all’indiano da quanto tempo era passata una carovana. L’altro non capiva la domanda, non comprendeva, cioè, il concetto di tempo. Alla fine, i due trovano un accordo sul termine: per il pellerossa si tratta di quante lune sono passate e…

Continua a leggere →

Page 1 of 3

Enrico Mattioli