Category Archives: Social e Comunicazione

Social e comunicazione 

Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Social e comunicazione – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Libri e mestieri

    Mestieri e misteri Perso in utopie e ipotesi, passo ancora il tempo cercando la via per vivere senza lavorare. E’ probabile che questa ricerca avrà il suo epilogo il giorno prima di essere sepolto o abbattuto o cremato. È una strada che non si trova sul satellitare: non esiste, almeno fino al momento…

Continua a leggere →

Autenticità dell’animale: il paradosso culturale dei giorni nostri

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Quelle che amo di più sono le persone che possibilmente non abbiano fatto neanche la quarta elementare, cioè le persone assolutamente semplici. Non lo dico per retorica. La cultura piccolo borghese, almeno nella mia nazione (ma forse anche in Francia e in…

Continua a leggere →

Cronache dagli anni ’60

      In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ci sono cose che si conoscono e altre che non si conoscono. Esistono il noto e l’ignoto, e in mezzo ci sono Le Porte. I Doors sono i sacerdoti del regno dell’ignoto che interagisce con la realtà fisica, perché l’uomo non…

Continua a leggere →

Fratello Grande

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Stanche giornate di luglio. Le vacanze ancora lontane. L’instabilità del tempo. Le serrande di molti negozi sono state sostituite da portoncini di abitazioni. Gli sfrattati hanno profittato del fallimento degli esercizi commerciali e adesso ci vivono dentro. Una ragazzina sgrulla la tovaglia …

Continua a leggere →

Connessi o non connessi

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Non voglio essere connessa con niente che non sia me stessa. Lo dice una signora piuttosto lucida prima della lezione di yoga. Si riferisce all’uso smodato di apparecchi, di software e di applicazioni. Non siamo noi a usare “la macchina”, è il…

Continua a leggere →

Facebook, la grande fuga

    Il web è un mare dove tutti possono nuotare. E’ importante far chiarezza su un punto che dovrebbe essere scontato: la rete è un caledoiscopio di informazioni accessibili a tutti e con i social è diventata (la rete) un aggregatore dove ognuno esprime (o spaccia) il proprio punto di vista per informazione, generando…

Continua a leggere →

Karl Marx tra consumismo e meditazione

      In Avvisiamo la gentile clientela, scrivo che il compagno Terapia, passando al setaccio l’analisi della società capitalista operata da Marx, ripete il concetto per cui i rapporti tra le persone sono mediati attraverso le merci, quindi non autentici. Ad ascoltarlo c’è l’imperturbabile cassiere Vacca, che della differenza tra valore e prezzo di…

Continua a leggere →

Termini geneticamente modificati dalla pubblicità

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Tempo fa un collega di lavoro mi raccontò una storia. La figlia gli chiedeva dei soldi per l’acquisto di un nuovo cellulare. La ragazza rassicurava il padre che li avrebbe restituiti in sei comode rate. Ridemmo, io e lui, per quell’uscita: sei…

Continua a leggere →

Alla vita così com’è

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Ognuno conduce una battaglia sacrosanta per il proprio stato sociale. Chiunque marca il terreno per proteggerlo dalla causa altrui che, se assecondata, minerebbe quel territorio inviolabile. Non mi riferisco a questioni internazionali o di politica ordinaria. Io mi rivolgo alla vita, così…

Continua a leggere →

Il ventre di Parigi

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Iniziato e terminato a Villa Lazzaroni, sulla Via Appia a Roma, Il ventre di Parigi di Emile Zola, ha rappresentato per me un momento di lettura tra i più appaganti. Mi ero completamente annullato. Da una panchina del parco vivevo l’incantesimo di trovarmi…

Continua a leggere →

Page 1 of 2

Enrico Mattioli