Category Archives: Cultura e intrattenimento

Arte

Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Arte – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

George Harrison: vita di un giardiniere

    Sono una persona molto umile. Non voglio stare a tempo pieno nell’industria della musica, perché sono un giardiniere. Pianto fiori e li guardo crescere. Non vado ai locali o alle feste. Sto a casa e guardo il fiume che scorre.     Molti affermano che George Harrison fosse il meno interessato a essere…

Continua a leggere →

Il segno di Banksy

Scendo le scale. L’ascensore è requisito dagli operai che lavorano allo scarico condominiale e nell’androne due inquilini stanno torchiando la portiera, preoccupati che non sia manomessa la colonna. Sbircio dentro la cassetta della posta, dove scadenze e bollette mi guardano beffarde, ma lascio gli avvisi giacere fino al ritorno dal mio giro. Estate piena a…

Continua a leggere →

Rolling Stones: su queste pietre fondò un gruppo rock

  Novembre 1960 Se il governo britannico non avesse annunciato la fine della leva obbligatoria, la storia della musica rock avrebbe avuto un percorso differente. Molti non potevano saperlo in quel momento, ancora non era accaduto nulla, ma quell’annuncio unì simultaneamente migliaia di adolescenti: ognuno avrebbe avuto un biennio in aggiunta all’ordinario per coltivare l’immaturità…

Continua a leggere →

I Beatles e quell’Eccellentissimo Ordine del Rock

  Da Liverpool a Londra Capibranco di una Liverpool fintamente soporifera in cui centinaia di band esportavano il Mersey’s sound oltre alla muffa stagnante nelle cantine, i Beatles diventarono sovrani della London chicchissima di giorno e gaia di notte, dove la stampa digiuna gli mordeva le calcagna in attesa di una parabola per le masse…

Continua a leggere →

Romanzo rock

    Aneddoti Tutti i soldi che gli avevamo fatto fare stavano finendo in delle piccole scatole nere, montate poi su quei cazzo di bombardieri americani per bombardare quel cazzo di Vietnam del Nord. Avrei preferito la Mafia alla Decca Records. Lo diceva Keith Richards saputo che la casa discografica, che con il gruppo di…

Continua a leggere →

Maschere

    Hai mai riflettuto su quante maschere indossiamo nel corso della nostra vita? Non sono mai stato un grande bugiardo. Le menzogne più grosse le ho raccontate a me stesso. Gli inganni assomigliano a un giaciglio instabile. Incidendo sulla postura, per qualche tempo ti fanno sopravvivere. Poi, con la perseveranza, ti portano alla deriva…

Continua a leggere →

Termini geneticamente modificati dalla pubblicità

    Tempo fa un collega di lavoro mi raccontò una storia. La figlia gli chiedeva dei soldi per l’acquisto di un nuovo cellulare. La ragazza rassicurava il padre che li avrebbe restituiti in sei comode rate. Ridemmo, io e lui, per quell’uscita: sei comode rate. Chi è che parla così? I ragazzi definiscono delle rate…

Continua a leggere →

Alla vita così com’è

    Ognuno conduce una battaglia sacrosanta per il proprio stato sociale. Chiunque marca il terreno per proteggerlo dalla causa altrui che, se assecondata, minerebbe quel territorio inviolabile. Non mi riferisco a questioni internazionali o di politica ordinaria. Io mi rivolgo alla vita, così com’è. Alla ferocia inconscia di taluni sottili ricatti. M’indigno, sì, come…

Continua a leggere →

Il ventre di Parigi

    Iniziato e terminato a Villa Lazzaroni, sulla Via Appia a Roma, Il ventre di Parigi di Emile Zola, ha rappresentato per me un momento di lettura tra i più appaganti. Mi ero completamente annullato. Da una panchina del parco vivevo l’incantesimo di trovarmi tra i chioschi delle Halles e le contrade parigine, tra…

Continua a leggere →

Ex cathedra avrei voluto scriverlo io

        Doveva essere solo l’appendice a una mia inutile biografia, poi ho preferito raccontare. Quelli come me, stilano profili non perché glielo chiede l’editore o il critico, ma per ricucire i fili di un percorso anonimo e per quell’egocentrismo che presuppone il pubblico interesse. Ai tempi del mio primo lavoro nell’ambito della…

Continua a leggere →

Page 3 of 3

Enrico Mattioli