Category Archives: Cultura e intrattenimento

Arte

Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Arte – Nasce in una città del Lazio, capitale di Stato, bagnata da un fiume, costruita su sette colli, della quale preferisce non fare il nome per questioni di privacy.
Enrico Mattioli inizia come umorista, ma un’esperienza come delegato sindacale di base, lo fa appassionare ai temi legati agli ambienti lavorativi. Umorismo e sociale, quindi, convivono nei suoi scritti.

Africa, il futuro non è utopia

    LA TELEVISIONE Sono passati trentatré anni dal progetto solidale Live Aid. Fu il primo grande raduno in diretta tv, il novantacinque per cento di televisioni collegate da tutto il pianeta. Il mondo del rock si stringeva a sostegno dell’Africa. In generale, la mia polemica sulla televisione non riguarda i contenuti proposti, ma la…

Continua a leggere →

Autenticità dell’animale: il paradosso culturale dei giorni nostri

    Quelle che amo di più sono le persone che possibilmente non abbiano fatto neanche la quarta elementare, cioè le persone assolutamente semplici. Non lo dico per retorica. La cultura piccolo borghese, almeno nella mia nazione (ma forse anche in Francia e in Spagna), è qualcosa che porta sempre a delle corruzioni, a delle…

Continua a leggere →

Le Americhe tra sogni, trattati e leggende

    Uomini bianchi Ognuno suo malgrado, è intriso d’America. Siamo filo occidentali per discendenza, legati alla bandiera stelle e strisce da trattati inviolabili. Apparteniamo, per ragioni che non abbiamo scelto, all’area yankee. Siamo noi, volenti o nolenti, gli uomini bianchi. Conserviamo, inconsciamente, la stessa presupponenza con cui i nostri antenati partivano per fronteggiare gli Indiani d’America. L’idea del progresso…

Continua a leggere →

Cronache dagli anni sessanta

    Ci sono cose che si conoscono e altre che non si conoscono. Esistono il noto e l’ignoto, e in mezzo ci sono Le Porte. I Doors sono i sacerdoti del regno dell’ignoto che interagisce con la realtà fisica, perché l’uomo non è soltanto spirito, ma anche sensualità. La sensualità e il male sono…

Continua a leggere →

Liverpool, prossima fermata

    Emilio Santini, detto anche Santillana, è il narratore di I qualunquisti. Nel precedente post ho inaugurato delle appendici, la possibilità, cioè, che questi miei personaggi raccontino “ancora” un’altra storia.  Santillana è un insegnante di chitarra e offre lezioni su come affrontare il palco. Emilio è anche e soprattutto un fan dei Beatles. Ricorda con…

Continua a leggere →

Imagine, John Lennon

  Il brano più equivocato nella storia della musica Questo, oggi, è il concetto di Imagine, la composizione più celebre di John Lennon, registrata nel 1971, inserita nell’album Imagine, prodotto da Phil Spector. Una melodia troppo usata, abusata, ridotta a una canzoncina buonista adatta a ogni occasione. Chiunque se ne appropria per i propri fini…

Continua a leggere →

Luna Park

      Ne I qualunquisti, c’è un passaggio in cui faccio riferimento al Luna Park: chi c’era mai stato, prima? – Chiedo. In effetti, io ho avuto bisogno del parco giochi fino ai venticinque anni e oltre. Non smisi mai di andare, smisi soltanto di raccontare in giro che ci tornavo. Era un viaggio…

Continua a leggere →

Roma, storia, cinema, schiavitù

    … ero reduce dalla scorpacciata in un ristorante e, mea culpa, complice una settimana molto stressante, non ricordavo questa ricorrenza. Gli astanti sembravano formali e compiti, leggermente contrariati per la pioggerella fuori programma, ma comunque, seriosi e, beh, satolli. Un chiacchiericcio in sottofondo permeava la sala. Ognuno che aspettava il dolce, il caffè…

Continua a leggere →

John Lennon’s dossier: 8 dicembre 1980

      8 dicembre 1980 – Notte – L’Inghilterra, avanti di cinque ore per il fuso orario, non sapeva ancora nulla. Soltanto le sonnecchianti guardie dei servizi di sicurezza e i viaggiatori molto mattinieri sentirono alla radio, grazie al Servizio Oltremare della BBC, un annuncio che nemmeno la voce rapida e convenzionale del commentatore…

Continua a leggere →

George Harrison: vita di un giardiniere

    Sono una persona molto umile. Non voglio stare a tempo pieno nell’industria della musica, perché sono un giardiniere. Pianto fiori e li guardo crescere. Non vado ai locali o alle feste. Sto a casa e guardo il fiume che scorre.     Molti affermano che George Harrison fosse il meno interessato a essere…

Continua a leggere →

Page 2 of 3

Enrico Mattioli