Romanzo rock

    Aneddoti Tutti i soldi che gli avevamo fatto fare stavano finendo in delle piccole scatole nere, montate poi su quei cazzo di bombardieri americani per bombardare quel cazzo di Vietnam del Nord. Avrei preferito la Mafia alla Decca Records. Lo diceva Keith Richards saputo che la casa discografica, che con il gruppo di…

Continua a leggere →

Maschere

    Hai mai riflettuto su quante maschere indossiamo nel corso della nostra vita? Non sono mai stato un grande bugiardo. Le menzogne più grosse le ho raccontate a me stesso. Gli inganni assomigliano a un giaciglio instabile. Incidendo sulla postura, per qualche tempo ti fanno sopravvivere. Poi, con la perseveranza, ti portano alla deriva…

Continua a leggere →

Termini geneticamente modificati dalla pubblicità

    Tempo fa un collega di lavoro mi raccontò una storia. La figlia gli chiedeva dei soldi per l’acquisto di un nuovo cellulare. La ragazza rassicurava il padre che li avrebbe restituiti in sei comode rate. Ridemmo, io e lui, per quell’uscita: sei comode rate. Chi è che parla così? I ragazzi definiscono delle rate…

Continua a leggere →

Alla vita così com’è

  Ognuno conduce una battaglia sacrosanta per il proprio stato sociale. Chiunque marca il terreno per proteggerlo dalla causa altrui che, se assecondata, minerebbe quel territorio inviolabile. Non mi riferisco a questioni internazionali o di politica ordinaria. Io mi rivolgo alla vita, così com’è. Alla ferocia inconscia di taluni sottili ricatti. M’indigno, sì, come un…

Continua a leggere →

Il ventre di Parigi

    Iniziato e terminato a Villa Lazzaroni, sulla Via Appia a Roma, Il ventre di Parigi di Emile Zola, ha rappresentato per me un momento di lettura tra i più appaganti. Mi ero completamente annullato. Da una panchina del parco vivevo l’incantesimo di trovarmi tra i chioschi delle Halles e le contrade parigine, tra…

Continua a leggere →

Ex cathedra avrei voluto scriverlo io

      Doveva essere solo l’appendice a una mia inutile biografia, poi ho preferito raccontare. Quelli come me, stilano profili non perché glielo chiede l’editore o il critico, ma per ricucire i fili di un percorso anonimo e per quell’egocentrismo che presuppone il pubblico interesse. Ai tempi del mio primo lavoro nell’ambito della Grande…

Continua a leggere →

Page 3 of 3