Le Americhe tra sogni, trattati e leggende

    Uomini bianchi Ognuno suo malgrado, è intriso d’America. Siamo filo occidentali per discendenza, legati alla bandiera stelle e strisce da trattati inviolabili. Apparteniamo, per ragioni che non abbiamo scelto, all’area yankee. Siamo noi, volenti o nolenti, gli uomini bianchi. Conserviamo, inconsciamente, la stessa presupponenza con cui i nostri antenati partivano per fronteggiare gli Indiani d’America. L’idea del progresso…

Continua a leggere →

Liverpool, prossima fermata

    Emilio Santini, detto anche Santillana, è il narratore di I qualunquisti. Nel precedente post ho inaugurato delle appendici, la possibilità, cioè, che questi miei personaggi raccontino “ancora” un’altra storia.  Santillana è un insegnante di chitarra e offre lezioni su come affrontare il palco. Emilio è anche e soprattutto un fan dei Beatles. Ricorda con…

Continua a leggere →

Imagine, John Lennon

  Il brano più equivocato nella storia della musica Questo, oggi, è il concetto di Imagine, la composizione più celebre di John Lennon, registrata nel 1971, inserita nell’album Imagine, prodotto da Phil Spector. Una melodia troppo usata, abusata, ridotta a una canzoncina buonista adatta a ogni occasione. Chiunque se ne appropria per i propri fini…

Continua a leggere →

Roma, storia, cinema, schiavitù

    … ero reduce dalla scorpacciata in un ristorante e, mea culpa, complice una settimana molto stressante, non ricordavo questa ricorrenza. Gli astanti sembravano formali e compiti, leggermente contrariati per la pioggerella fuori programma, ma comunque, seriosi e, beh, satolli. Un chiacchiericcio in sottofondo permeava la sala. Ognuno che aspettava il dolce, il caffè…

Continua a leggere →

Karl Marx tra consumismo e meditazione

Karl Marx In Caro cliente, scrivo che il compagno Terapia, passando al setaccio l’analisi della società capitalista operata da Marx, ripete il concetto per cui i rapporti tra le persone sono mediati attraverso le merci, quindi non autentici. Ad ascoltarlo c’è l’imperturbabile cassiere Vacca, che della differenza tra valore e prezzo di una merce se…

Continua a leggere →

John Lennon’s dossier: 8 dicembre 1980

      8 dicembre 1980 – Notte – L’Inghilterra, avanti di cinque ore per il fuso orario, non sapeva ancora nulla. Soltanto le sonnecchianti guardie dei servizi di sicurezza e i viaggiatori molto mattinieri sentirono alla radio, grazie al Servizio Oltremare della BBC, un annuncio che nemmeno la voce rapida e convenzionale del commentatore…

Continua a leggere →

George Harrison: vita di un giardiniere

    Sono una persona molto umile. Non voglio stare a tempo pieno nell’industria della musica, perché sono un giardiniere. Pianto fiori e li guardo crescere. Non vado ai locali o alle feste. Sto a casa e guardo il fiume che scorre.     Molti affermano che George Harrison fosse il meno interessato a essere…

Continua a leggere →

Il segno di Banksy

Scendo le scale. L’ascensore è requisito dagli operai che lavorano allo scarico condominiale e nell’androne due inquilini stanno torchiando la portiera, preoccupati che non sia manomessa la colonna. Sbircio dentro la cassetta della posta, dove scadenze e bollette mi guardano beffarde, ma lascio gli avvisi giacere fino al ritorno dal mio giro. Estate piena a…

Continua a leggere →

Rolling Stones: su queste pietre fondò un gruppo rock

  Novembre 1960 Se il governo britannico non avesse annunciato la fine della leva obbligatoria, la storia della musica rock avrebbe avuto un percorso differente. Molti non potevano saperlo in quel momento, ancora non era accaduto nulla, ma quell’annuncio unì simultaneamente migliaia di adolescenti: ognuno avrebbe avuto un biennio in aggiunta all’ordinario per coltivare l’immaturità…

Continua a leggere →

I Beatles e quell’Eccellentissimo Ordine del Rock

  Da Liverpool a Londra Capibranco di una Liverpool fintamente soporifera in cui centinaia di band esportavano il Mersey’s sound oltre alla muffa stagnante nelle cantine, i Beatles diventarono sovrani della London chicchissima di giorno e gaia di notte, dove la stampa digiuna gli mordeva le calcagna in attesa di una parabola per le masse…

Continua a leggere →

Page 2 of 3