Imagine, John Lennon

  In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione Il brano più equivocato nella storia della musica Questo, oggi, è il concetto di Imagine, la composizione più celebre di John Lennon, registrata nel 1971, inserita nell’album Imagine, prodotto da Phil Spector. Una melodia troppo usata, abusata, ridotta a una canzoncina buonista adatta a…

Continua a leggere →

Connessi o non connessi

    In regalo per te i primi capitoli de Il bamboccione   Non voglio essere connessa con niente che non sia me stessa. Lo dice una signora piuttosto lucida prima della lezione di yoga. Si riferisce all’uso smodato di apparecchi, di software e di applicazioni. Non siamo noi a usare “la macchina”, è il…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è – capitolo sei

      Certificazione di deposito – CC BY-NC-ND   Gennaio. È la vigilia della befana. Il molare torna in eruzione e sputa colate di pus tra le mie gengive. Un dissesto orale, la guancia sinistra si dilata e la mia identità subisce un contraccolpo. Salgo in macchina e corro per scappare dal dentologo. Sono…

Continua a leggere →

La rivoluzione che non c’è

          Perché leggere questo libro?   Se in Avvisiamo la gentile clientela, il tema identitario girava intorno al vezzeggiativo, ne La rivoluzione che non c’è, il protagonista esegue un taglio netto con il suo passato: si cambia addirittura il nome e diventa Nick La Puzza. Mentre in Storie di qualunquisti anonimi,…

Continua a leggere →

Diario di un precario – capitolo secondo

    Certificato di deposito – CC BY-NC-ND   Piove. È una metropoli succube di reumatismi alle infrastrutture. Il treno della metro si ferma alla stazione Furio Camillo e ci fanno scendere. La gente si accalca. Un addetto informa che un calo di tensione elettrica ha causato un’interruzione del servizio. I passeggeri sono invitati a…

Continua a leggere →

Diario di un precario: Il bamboccione

          Perché leggere questo libro?   Che cos’è la società? Oltre alla teoria e alla didattica, compresi che la realtà era diversa. È soltanto quello che noi percepiamo di essa, ciò che ci arriva. Il resto è astrazione, lo ascoltiamo dalla televisione e lo leggiamo sui giornali. È forte chi si…

Continua a leggere →

Stelle di polvere – capitolo tre

        Perché leggere questo libro?   Noi continuiamo a camminare pure se alcune persone non sono più al nostro fianco. Il pensiero ci distrugge, è inaccettabile, eppure, noi proseguiamo il viaggio. La vita reale non segue lo stesso corso dei nostri sogni e delle nostre speranze. Eppure, si va avanti. Se questo…

Continua a leggere →

Storie di qualunquisti anonimi – capitolo otto

    Certificato di deposito – CC BY-NC-ND   1987 – Veglione di capodanno al Big Box. Tenevo in mano una birra messicana – schifosamente leggera – e me ne stavo a guardare la gente ballare. Una biondina, con i capelli corti un po’ più su della nuca, ballava con un ragazzetto. Lui era un…

Continua a leggere →

Storie di qualunquisti anonimi

        Perché leggere questo libro?   Storie di qualunquisti anonimi, è un romanzo breve che inizia dagli anni della contestazione e del terrorismo, per giungere fino ai primi anni del nuovo millennio. La vicenda vede protagonisti un gruppo di ragazzi della medio borghesia italiana che, attraversato dalle varie fasi storiche, reagisce con…

Continua a leggere →

Gabbie – capitolo terzo

        Accendo un’altra cicca. È stimato che la marca di sigarette più venduta al mondo uccida settantacinquemila americani in un anno.  Continuo a spippettare imperterrito: non sono certo americano, io! Lavo i piatti. Preferisco farlo subito. È una delle cose più schifose prendere i piatti in cui hai mangiato e guardare tutti…

Continua a leggere →