Corona virus e nuovo ordine

      Corona virus e nuovo ordine: metafora   Dalla fine della seconda guerra mondiale (1945) e la firma del Trattato Atlantico (1949), fino alla caduta del Muro di Berlino (1989), il mondo ha vissuto sotto il controllo del blocco sovietico da una parte e di quello statunitense dall’altra. Eravamo un paese membro della…

Continua a leggere →

Come uscire da una comfort zone

  La comfort zone Intendo per comfort zone, quello spazio di certezze e consolazioni che alimentiamo strada facendo. Cosa c’è di sbagliato in questo? Niente e tutto. La zona di conforto è il sentiero battuto dalla maggioranza degli esseri umani e la questione non si riduce all’equazione giusto o errato. In genere, le consolazioni sono…

Continua a leggere →

Rock n roll stars – chapter Mister Keith

  Imaginary stories of rock music   Johnny B. Boogie is the owner of this imaginary pub where he can meet his idols. It’s everyone’s dream, basically, and Johnny manages to make it happen in his mind. His name comes from the famous song by Chuck Berry, Johnny B. Goode, because according to Johnny B. Boogie,…

Continua a leggere →

Stelle del rock and roll – capitolo Mister Keith

Stelle My Facebook Stelle del rock and roll – Mister Keith Possiedo molte cose, ma sono immaginarie. Il rock ha significato tanto e continua a rappresentare molto. Ne ho bisogno, eppure non mi basta solo la musica. Voglio loro, quelli che il rock l’hanno fatto e facendolo, hanno fottuto per sempre anche me. Inventare un…

Continua a leggere →

Cassieri – approfondimenti – capitolo Rapina

MY FACEBOOK   cassieri   – Questa è una rapina, svuota la cassa! – No, io oggi non tocco soldi… – Cioè? – In questa cassa solo pagamenti bancomat. Non maneggio moneta o carta, io… – E perché? – Sono un’obiettrice. I contanti mi fanno schifo… – Ma ti fa questo effetto il denaro in…

Continua a leggere →

Cronache di quartiere

Sono sempre ossessionato dai grandi romanzi. Mi riferisco, nello specifico, al capolavoro di Georges Perec, La vita e istruzioni per l’uso. Nel mio articolo, com’è ovvio, non c’è molto di culturale, se non l’aver citato l’autore francese. Il minimalismo, la corrente (se di corrente si può parlare, visto che il padre non amava definirsi tale)…

Continua a leggere →

I colori dell’aperitivo

    Ho sempre associato l’aperitivo al tempo libero. O meglio, al buco tra un impegno e un altro. È il drink che uso fare prima di una cena piacevole e che deve predisporre al pasto, quindi, non amo gli apericena, termine selvaggio e rituale tipico di chi parcheggia in doppia fila. L’aperitivo ideale, per…

Continua a leggere →

Renato Nicolini – Il mio sindaco, non ha mai fatto il sindaco

    Il mio sindaco, non ha mai fatto il sindaco    Ogni volta che viene estate, mi ricordo di Renato Nicolini, padre dell’Estate Romana nel lontano 1977. Nato sotto il segno dei pesci, il primo di marzo del 1942, sarebbe stato ovvio scrivere di lui il giorno che ci ha lasciati, il quattro agosto…

Continua a leggere →

Robot

      Tempo fa guardavo in tv il programma Presa diretta di Riccardo Iacona. L’inchiesta era Il Pianeta dei robot. Non si trattava del futuro, ma del presente. Robot già operanti in aziende come Amazon, ma anche negli ospedali, negli uffici, nelle imprese alimentari, in qualche supermercato. Ricoprono qualsiasi ruolo: conducenti, avvocati, giornalisti, operai,…

Continua a leggere →

Libri e mestieri

    Mestieri e misteri Perso in utopie e ipotesi, passo ancora il tempo cercando la via per vivere senza lavorare. E’ probabile che questa ricerca avrà il suo epilogo il giorno prima di essere sepolto o abbattuto o cremato. È una strada che non si trova sul satellitare: non esiste, almeno fino al momento…

Continua a leggere →