Price and value

    The rich invest their money and spend what is left over. The poor spend their money and invest what’s leftover. Robert Kiyosaki   Market and exchange, consumers and businesses, production costs and profit margins: regardless of the infinite factors that define it, the variations subject to supply and demand curves, type and time,…

Continua a leggere →

All you need is shopping – Lost in the mall

  Why read this book?   A person who finishes their shift is tired and needs to unplug. Reading a book about the business he just left can be annoying. Circumstances have taken that person away from his true nature. The rhythms of her life are punctuated by work schedules. He experiences the feeling that…

Continua a leggere →

Andy Warhol in the consumer society

    A Coke is always a Coke and no amount of money can make you buy a better Coke than the one that the last of the poor people is drinking on the sidewalk in front of your house. All Coke is always the same and all Coke is good. Liz Taylor knows it,…

Continua a leggere →

I buy an illusion – Ugo Foscolo and Giacomo Leopardi in the age of the shopping mall

    Dreams are wishes for happiness, sang Cinderella in the Italian translation of Disney’s fairy tale. This is not a simple, innocuous quote. Because from Cinderella’s songs, we slide to Freud’s theories and the question about dreams becomes serious. What interests us now is that dreams are the basis on which the instruments of…

Continua a leggere →

Oltre l’orbita dello schiavo – sanguinando sotto le spine

    Ero in strada e qualcuno aveva parcheggiato un SUV sul passaggio per i paraplegici posto all’angolo del marciapiede. Qualcun altro, per vendetta e frustrazione, gli aveva storto i tergicristalli e gli specchietti. Un ragazzo, ben vestito in giacca, cravatta, che faceva colazione al bar prima di recarsi al lavoro, commentava inveendo contro l’inciviltà.…

Continua a leggere →

Elogio del cagotto

    Quando ero un ragazzino, soffrivo del complesso dei genitori adulti. Una volta papà venne a prendermi a scuola e io mi vergognai, perché era evidente che di fronte agli altri padri, era avanti con l’età. Lo chiamai zio, probabilmente lui neanche sentì. Avevo circa otto anni. Trovai una ragione a questo problema assurdo,…

Continua a leggere →

Importanza delle cose

    In fin dei conti, abbiamo dato troppa importanza alle cose che credevamo importanti: le donne agli uomini, i maschi alle femmine. Nel bene e nel male, almeno una volta, tutti abbiamo idealizzato qualcuno (o qualcosa), che avrebbe risolto le nostre insufficienze esistenziali con la sola imposizione del sentimento. Abbiamo considerato fondamentale l’amore che, tanto…

Continua a leggere →

Storie di calcio

        Beh, la nostra era un’armata Brancaleone. Dovevamo sfogare gli impeti adolescenziali e avevamo bisogno di sognare. Il calcio, prima delle ragazze o della musica, era una misurazione di quello che sapevamo fare di buono. Un parametro traditore, come conferma la vita. L’età adulta avrebbe sovvertito quell’ordine o in qualche caso lo…

Continua a leggere →

Occhi senza faccia – Paura di morire

    Ordine del giorno   Uno – Proteggere il proprio cerchio di sopravvivenza: spazio, confine, distanza. Due – Progetti: una casa con giardino oppure un giardino senza casa, magari con una tenda, comunque, un’area da non condividere.   Nuovi valori, necessità impellenti, bisogni di tendenza. Cammini per la strada incrociando altri occhi senza faccia,…

Continua a leggere →

Commedia – Tra un manifesto e lo specchio

    La vita è una commedia, lo abbiamo sentito milioni di volte. Un’opera presuppone un testo, quindi un autore che lo scriva; poi, qualcuno che diriga, quindi un regista. Qualcuno che lo interpreti, quindi gli attori; infine, ma non per ultimi, il pubblico e la critica. Un autore può essere regista e interprete, veste,…

Continua a leggere →

Page 2 of 18