The quick tempered guitarist

  The first chapters of Stars of dust: A gift for you   Things I have are all imaginary. People says the true happiness is to free oneself by material goods, but this is a concept out of the logic of our day. The world is structured to accumulate things and happiness is closely linked to this…

Continua a leggere →

Johnny B. Cool doesn’t like the Queen

    The first chapters of Stars of dust: A gift for you   I have many things, but they are imaginary. I can’t explain the reason why I repeat this sentence. I think it’s an unconscious trademark. And then, somehow, I need it to legitimize our speeches here at the pub. Here at Johnny’s pub we…

Continua a leggere →

Identità, una questione sospesa

  Perché un soprannome è più indicativo del nostro nome? Le generalità sono il frutto della scelta di altri, presto o tardi, quando entreremo nel mondo del lavoro, quelle lettere diventeranno numeri. Un nomignolo, invece, è legato a un fatto realmente accaduto o a una caratteristica personale e in qualche maniera rivela la nostra reale…

Continua a leggere →

Letters from the Johnny’s pub – Marley

The first chapters of Stars of dust: A gift for you I have many things, but they are all imaginary. Although I know I’m on the right way, I also know I still have a lot of things to do. All this makes me anxious. I’d like to fall asleep and then suddenly wake up without problems.…

Continua a leggere →

Letters from the Johnny’s pub – The diabetic guitarist

    The first chapters of Stars of dust: A gift for you   All the things I have are imaginary. And also those I can offer. The initiative of the pub is going well. Unknown musicians ask me to perform in the club, but many of them are not interested to their music. No: they hope…

Continua a leggere →

Spesa on line: il futuro del supermercato

    Nella meditazione e in generale nelle pratiche di yoga, il futuro non esiste e neanche il passato. Emerge il concetto del qui e ora. Per praticità, divideremo il tempo in orario e psicologico. Con il primo termine s’intende una frazione consapevole che consenta di regolare le normali attività della giornata. Quando la cognizione…

Continua a leggere →

Compro un’illusione – Foscolo e Leopardi nell’era del centro commerciale

      I sogni son desideri di felicità, cantava Cenerentola nella fiaba di Disney. Non è una semplice, innocua, citazione. Perché dalle canzoncine di Cenerentola, si scivola alle teorie di Freud e la questione sui sogni si fa seria. Quel che ci interessa, ora, è che i sogni sono la base su cui gli…

Continua a leggere →

Offerte speciali

    La natura umana sembrava subire un incantesimo: in un unico luogo trovava di tutto. Un tempo erano stati la fiera o il mercato a compiere la stregoneria, poi il centro commerciale. Chi veniva per svago era la preda più ambita, perché era un potenziale cliente. La percentuale di persone, soprattutto nel fine settimana,…

Continua a leggere →

Tessera club: quello che bisogna sapere

      Il contatto con il pubblico era intrigante e perverso. I clienti si tormentavano con i bollini per i regali: più spendevano e più accumulavano punti. Paradossale la loro consapevolezza di quanto quegli omaggi, in realtà, fossero soltanto presunti. Chiedevano il totale parziale della propria spesa per sapere se avevano raggiunto il punteggio,…

Continua a leggere →

Storia della Coca Cola

Leggi Anteprima Avvisiamo la gentile clientela su Create Space  L’uomo cerca tracce di vita sugli altri pianeti e non riesce a darsi pace nel proprio. L’unica presenza certa sulla Luna o su Marte o su Giove è la Coca Cola. Tutto ciò in cui ci riconosciamo è quel barattolo rosso con le ali argentate. Gabbie Intro Nel mio…

Continua a leggere →

Page 1 of 26