Occhi senza faccia – Paura di morire

    Ordine del giorno   Uno – Proteggere il proprio cerchio di sopravvivenza: spazio, confine, distanza. Due – Progetti: una casa con giardino oppure un giardino senza casa, magari con una tenda, comunque, un’area da non condividere.   Nuovi valori, necessità impellenti, bisogni di tendenza. Cammini per la strada incrociando altri occhi senza faccia,…

Continua a leggere →

Commedia – Tra un manifesto e lo specchio

    La vita è una commedia, lo abbiamo sentito milioni di volte. Un’opera presuppone un testo, quindi un autore che lo scriva; poi, qualcuno che diriga, quindi un regista. Qualcuno che lo interpreti, quindi gli attori; infine, ma non per ultimi, il pubblico e la critica. Un autore può essere regista e interprete, veste,…

Continua a leggere →

I disegni – #VecchioFreak

disegni     … mi trovo all’interno della mia macchina e subisco un tamponamento da parte di una volante della Polizia… per qualche attimo non sono in grado di concepire pensieri, le mani sulla testa e non riesco a vedere bene… rumori di clacson e voci sguaiate fuori… odore di carburante e di bruciato, io…

Continua a leggere →

Le nuvole – #VecchioFreak

Le nuvole   Invecchiare è divertente perché ti liberi dalle zavorre e non ti preoccupa il pericolo di sparare cazzate. Le tue parole formano concetti che non appartengono più a nessuno: non hai un progetto di vita, inteso nel senso borghese del termine; non hai ambizioni particolari, se non di vivere gli attimi sperando che…

Continua a leggere →

Veri uomini: domande senza risposta

domande domande A volte mi capita di rimanere incastrato in vecchie domande senza risposta, interrogativi datati che probabilmente mi hanno soltanto complicato la vita, ma in fondo tutti noi siamo anche e soprattutto questo: complicati, e dobbiamo convivere. Oggi è il turno del vecchio Bob, colui il quale John Winston Ono Lennon, mio mentore, chiamava…

Continua a leggere →

All you need is shopping – Chapter four

  All you need All you need   Preview   It’s the end of the day and I’m at the register with Marta, the strange unionist. Her inverted use of auxiliaries amuses me. I invented, with ill-concealed presumption, a legend according to which she was electrocuted after reading Fromm’s essay, To have or to be?,…

Continua a leggere →

All you need is shopping – Chapter two

All you need   All you need Preview   All you need The new digital clock casts on the ceiling the time: half past three in the morning. I observe my toes and then the blanket on the floor that feel off while I looked for a comfortable position. I get up with my torso,…

Continua a leggere →

Progetto criminale – Nel vortice della delinquenza culturale

    Avete presente un parco pubblico dopo una scampagnata? Che sia passato il primo di maggio o il lunedì di Pasqua, sembra un terreno che ha subito l’incursione di feroci invasori. Come gli eserciti di cavallette, come i turisti con la determinazione ottusa di divertirsi, come un accesso indebito, il verbo invadere è tra…

Continua a leggere →

Essere fuori passo – Tra le virgole della citazione

    Frequentavo una collega che amava collezionare frasi d’autore su un’agenda, come se trascrivere la elevasse a un livello più alto o ritenesse di salvare qualche virgolettato da una catastrofe universale. Le aveva suddivise per categorie, dai compleanni alle festività, agli avvenimenti vari. Le sembrava di impreziosire la vita sua e in qualche modo…

Continua a leggere →

Charles Darwin tra evoluzione e involuzione della specie

    Osservare la gente è il più grande spettacolo del mondo. Nei raggi delle nostre cerchie, troviamo rapporti formali, amichevoli, parentali, affettivi e professionali. Tra questi qualcuno s’è conservato, qualcun altro s’è perso di vista; altri si sono sviluppati, altri ancora rovinati. Tutti, indistintamente, costituiscono il bagaglio della nostra esperienza. Abbiamo visto queste persone…

Continua a leggere →

Page 1 of 17