Gavetta

  Introduzione Si indica con il termine gavetta, il contenitore usato dai soldati per conservare il rancio, un’espressione che sembra sinonimo di rancido e che invece, derivante dallo spagnolo rancharse, significa mettersi in fila. Seguendo l’evoluzione del campo semantico, arriviamo a intendere con fare la gavetta, un’attività che parte dai livelli più bassi e pian…

Continua a leggere →

La bestemmia non è più quella di una volta

    La vita non mi dà più molto. Odio questa epoca dove tutto è falso. Lascerò questo mondo senza rimpianti. Alain Delon OGGETTIVITÅ E SOGGETTIVITÅ Quando non hai niente da dire, ma da diversi giorni non pubblichi un articolo, la cosa più facile da fare è tentare di colpire con effetti speciali. La prenderò…

Continua a leggere →

Ricordati che devi morire

    Tra le tante qualità di Massimo Troisi, troviamo quella di far sorridere su temi angoscianti. “Fratello ricordati che devi morire” è il saluto che si scambiavano i frati trappisti nella Francia del 1140. Troisi lo usa nel film Non ci resta che piangere, realizzato con Roberto Benigni. La filosofia è presente in dosi…

Continua a leggere →

S’è fatta una certa ora – Il segno del Verga e il peso della roba

  Verga In fondo, anche Giovanni Verga la sapeva lunga. Vissuto tra la seconda metà dell’ottocento e l’inizio del novecento, lo scrittore nato a Vizzini anticipò il concetto di alienazione, pure se in questo caso, il consumismo – quello che conosciamo noi – e i centri commerciali, non c’entrano. Le Novelle Nel 1883 Verga pubblica…

Continua a leggere →

Libertà di parola e libertà di pensiero

    Le persone chiedono la libertà di parola come compensazione per la libertà di pensiero che raramente usano. S. Kierkegaard   Soren Kierkegaard, filosofo, scrittore e teologo danese, è considerato dagli studiosi come la genesi dell’esistenzialismo. Il suo aforisma, in forma sintetica, si potrebbe definire come la facoltà di sparare sciocchezze senza filtro del…

Continua a leggere →

Stelle del rock and roll

  Introduzione a Stelle del rock and roll Il rock and roll non ha certo cambiato le cose nel mondo, ma la vita di molte persone sarebbe di certo stata diversa senza il rock and roll. Scrivevo così ne I qualunquisti. Cioè, quando mi sento giù e le cose non vanno, spesso mi consolo con una birra, del…

Continua a leggere →

Uno, nessuno e Facebook

    Conosco persone che si sono cancellate da Facebook e sono ancora vive!   È una battuta, ma esprime la meraviglia del mondo che continua oltre i social media. A volte, le cose più ovvie sembrano irraggiungibili. Alla base di tutto, c’è l’uso che se ne fa. Inizi Da una rapida indagine, scopro di essere…

Continua a leggere →

Estate padrona

  estate Il caldo in città trasforma tutti in moribondi. Paralizza il fisico, toglie ogni volontà. L’altra sera, mentre l’afa fracassava le ossa e i pensieri irrancidivano insieme alle nervature, sono uscito sul balcone a cercare refrigerio. Perfino il climatizzatore aveva avuto la peggio su un’ennesima giornata afosa, agitandosi in un triste coro condominiale di…

Continua a leggere →

Notti tragiche –  Zitti e buoni, non c’è tanto da ridere

    Notte. Filtrano rare folate di aria calda dalle finestre lasciate aperte e a tratti neanche quelle: solo afa che ti avvolge in un abbraccio umido, tutto è immobile. Sudore, insonnia e primi cenni di male alle ossa. Dura è fare i conti con gli acciacchi: se dormo troppo, la cervicale mi mette l’anello…

Continua a leggere →

Il lordo, il netto e l’essenza del carciofino

    Avevo un amico mitomane che si chiamava Nick La Puzza. Si spacciava, tra le altre cose, per laureato in filosofia, pure se nessuno l’aveva mai visto frequentare la facoltà, né sfogliare almeno un libro di De Crescenzo. Nonostante tutto, quel poco che conosco sulla vita, l’ho appreso da lui. Nick aveva una sua…

Continua a leggere →

Page 1 of 16