Affermazione e successo

 

Affermazione e successo

 

In questi ultimi tempi abbiamo preso confidenza con la provvisorietà. Il nostro corpo, attraverso il respiro o le mani, conduce il virus e può trasmetterlo a un altro essere umano.

Da vocabolario, rileviamo:

Proprietà transitiva: in una relazione d’uguaglianza, proprietà secondo la quale date due coppie di elementi di cui uno in comune, appartenenti a un medesimo insieme, vale la medesima relazione tra gli elementi di ciascuna coppia e i due elementi diversi.

Gruppo transitivo: in un insieme a trasformazioni biunivoche, gruppo che gode della proprietà secondo cui, fissati due elementi dell’insieme, esiste un’operazione del gruppo che porta l’uno nell’altro.

Ancora.

Nella proprietà transitiva dell’amicizia, se Augusto è amico di Bruto e Bruto è amico di Cassio, anche Augusto e Cassio sono amici. Però se Augusto e Bruto non sono più amici, ma Bruto e Cassio restano amici, ciò significa che Augusto non è amico né con Bruto né con Cassio.

 

In sintesi: Augusto = Bruto, Bruto = Cassio, è evidente che Augusto = Cassio.

 

Sono sempre stato un asino in matematica e perciò citare qualche regola mi regala l’illusione di aver recuperato qualcosa nel corso degli anni.

Dicevamo che stiamo vivendo col pericolo di un’infezione. Una sensazione singolare perché, di fatto, non la tocchi, non la vedi, quindi sei portato a immaginare qualcosa d’immateriale, che però diventa assolutamente concreto nel momento in cui qualcuno è colpito dal virus.

Il fascino delle persone di successo, oltre all’alone della fama in sé, è dovuto a quel pensiero comune per cui esse possiedono il mind setting corretto (impostazione mentale), per affermarsi. Sono considerate persone positive, conduttrici di qualità trasmissibili agli altri.

È possibile insegnare un atteggiamento ottimista o è qualcosa più vicino alla disciplina medica e in particolare, psicologica?

I corsi sull’impostazione mentale sono molto in voga, adesso. Se vuoi fare affari sul web, questa è una nicchia profittevole. Occorre solo la… competenza.

Quello che interessa, però, è capire se, così com’è trasmissibile un virus, sia possibile trasmettere concretamente un ideale, un valore. Un sogno da trasformare.

In genere associamo al successo l’ammirazione e i soldi.

In una società che impone modelli precostituiti, che insegna a esprimersi attraversi citazioni, video e immagini, a condividere qualcosa che già è esistente, il successo è non essere diversi dagli altri. Che tu sia reazionario o contestatore – due tra i modelli preconfezionati maggiormente in voga – hai una vetrina ampia in cui specchiarti.

In realtà cos’è il successo?

Potremo sintetizzarne il concetto in pochi punti.

Esprimersi, anziché citare pedissequamente tutto quello che vediamo.

In un sistema di vita omologante, cercare se stessi. Eliminare cortecce e sovrastrutture, come se fosse una rasatura completa.

Trovare la propria autenticità. E restargli fedele perché è il matrimonio più indissolubile avuto in sorte.

 

Lo scetticismo, l’abilità a trovare scuse e ostacoli insormontabili che ci pongano dalla parte delle vittime, ci porterà solo a credere che qualcosa prima o dopo accada da sé.

Nulla accade se non da una nostra scelta.

Difficile garantire l’esito positivo della ricerca di se stessi. Non eviteremo umiliazioni e derisioni, sconfitte, insuccessi, ma tutto ciò servirà per la muscolatura.

 

 

 

PUBBLICAZIONI

Lascia un commento da Facebook