superCASSIERI n. 22 - Pinocchia - gelosia



depositphotos_107925144-stock-illustration-set-of-hand-drawn-sexy



- Buongiorno Pinocchia.

- Buongiorno direttore.

- Ho visto che avete battuto la spesa alla signorina Lola.

- Chi?

- Andiamo Pinocchia: la signorina Capovolta.

- Ah sì, una mia carissima amica.

- Ricordate quello che ha comprato?

- Mmm… due filoni di pane, cinque kg di pasta, un kg di salsicce…

- Ah! E come mai tutta questa roba?

- Perché? Forse un dipendente, quando finisce il turno, non può fare la spesa?

- Ve lo dico io cos’è: quella aspetta gente in casa!

- E allora?

- Sì, deve essere così, significa che ha ospiti. Vero, Pinocchia?

- E che ne so io?

- Avete detto che è una vostra carissima amica, quindi voi sapete se qualcuno la va a trovare…

- Ma che cos’è: un processo?

- Pinocchia, dunque: parlate!

- Siamo tutte persone libere e possiamo vedere chi vogliamo…

- Pinocchia, scegliete: o siete amico mio o siete amica della signorina Lola!

- In che senso amico mio? Lei così mi fa battere il cuore, sento già le farfalle nello stomaco…

- Pinocchia, come vi permettete?

- E allora io non parlo…

- Pinocchia, voi state coprendo quella donna, le conseguenze saranno terribili!

- Mi sta minacciando, direttore?

- Pinocchia, non mi fate perdere il controllo, che vi spacco la schiena!

- Uffa… bocca mia stai zitta!

- Pinocchia, parlate, ve lo chiedo per l’ultima volta!

- Direttore, io non capisco: se non foste sposato, direi che siete geloso…

- Voi non dovete capire, Pinocchia, voi dovete solo rispondere!

- Li conosco bene quelli come lei: vogliono solo accrescere il proprio harem. Crede di essere un sultano?

- Pinocchia, io sto soffrendo come un cane!

- Se lo merita. Andate tutti dietro a persone che non vi vogliono…

- Pensavo che avreste capito la situazione, credevo foste un... uomo… di mondo!

- Che cosa ci trova in quella smorfiosa?

- Per fortuna che la signorina Capovolta era una vostra amica: figurarsi se era una nemica!

- Che c’entra, direttore: la guerra è guerra…

- Non me lo aspettavo da voi questo atteggiamento, Pinocchia…

- Direttore, non faccia così, ma che sta piangendo?

- Io non piango mai, Pinocchia…

- Stasera io e lei ce ne andiamo al bar, ci prendiamo un cocktail guardandoci negli occhi e lei mi racconta tutto…

- Credete che sia una buona idea?

- Sì direttore, le farà bene.

- Ma sì, avevo proprio bisogno di parlare con qualcuno…

- Ah, ma io non sono qualcuno, direttore. Io sono un vostro amico…

- Grazie, Pinocchia, grazie.

 


 

© ENRICO MATTIOLI 2017




© Enrico Mattioli 2017