superCASSIERI n. 21 - Canapone - qualcosa in comune -


Leopoldo Canapone



- Dov’è il cassiere? Sono già cinque minuti che aspetto…

- C A N A P O N E  IN CASSA!

- Io ho molta fretta!

- Eccomi!

- Eh, ma dove si era andato a cacciare?

- Ero al rifornimento scaffali, signora…

- Lei non dovrebbe muoversi perché la gente non può aspettare i suoi comodi…

- Stavo lavorando e poi, se cominciamo a discutere, lei perderà altro tempo…

- Ah, lei è un maleducato!

- Non ci crederà, mi tengono proprio per questo!

- Ed è anche molto antipatico…

- Se noi dipendenti stilassimo una classifica sulla simpatia dei clienti, pure lei sarebbe agli ultimi posti. Lo vede che in fondo abbiamo qualcosa in comune?

- Come si permette d’insultarmi davanti al mio nipotino? Marlon, vieni via, non sentire questo cialtrone…

- Come ha detto che si chiama questa specie di bambino?

- Marlon, perché?

- Scommetto che ha anche una nipotina che si chiama Brenda!

- Ho una nipotina, ma si chiama Sharon…

- Certo, Sharon: cosa vuoi di più?

- Che cosa vuole lei!

- Siete la rovina di questa società, la mediocrità che diventa comune, siete la moda scialba, la bassezza senza fondo, siete tendenza-dipendenti…

- Un momento…

- Cosa?

- Lei, per caso, conosce Walter?

- E chi sarebbe questo Walter?

- Il marito di mia figlia.

- E perché dovrei conoscerlo?

- Oh, ma lo sa che lei ha proprio ragione?

- Cioè?

- Lo dicevo sempre a Loredana di non sposare quell’idiota e che col tempo sarebbe appassita dietro a lui. Dentro di me, sentivo le cose che lei ha detto. Studia sociologia o qualcosa del genere?

- No. Soltanto… cassa. Cioè, sono solo un cassiere di supermercato.

- Oh, non un semplice cassiere, però: lei è proprio un super cassiere!

- Grazie.

- Prego. La saluto e le auguro buona giornata. È un piacere condividere qualcosa che giace nel proprio intimo. Arrivederci.

- Buongiorno.

 

Roba da matti! Devo fare più attenzione a toccare certe corde, la nonnina ha vanificato i miei sforzi di provocatore. Mai ricevuti tanti complimenti tutti insieme: giornata di merda!




 © ENRICO MATTIOLI 2017




© Enrico Mattioli 2017