superCASSIERI  11 - Pinocchia - fashion 



depositphotos_107925144-stock-illustration-set-of-hand-drawn-sexy



- Non può accedere nel punto vendita con il carrello di proprietà, miss!

- Eh?

- I repeat: non può entrare con il suo carrello, deve lasciarlo fuori, understand?

- E se me lo rubano?

- It’s impossible…

- Eh?

- Ci sono io, non si preoccupi, madame… kiss!

 

# #

 

- Mi scusi, dove trovo lo zafferano?

- Ask to the box office, please…

- Eh?

- Chieda in ufficio, madame…

- Grazie…

- Bye…

 

# #

 

- Pinocchia?

- Yes, boss?

- Con i clienti dovreste parlare l’italiano, non l’inglese, perdio!

- Oh yeah, you’re right, my darling, ma l’inglese è un modo di comunicare più diretto che ci proietta dritti dritti al centro e non di lato…

- Qui le iniziative personali vanno limitate, mi spiego?

- … e uffa però… in questo luogo c’è bisogno di colore…

- Pinocchia, cercate di non fare poesia e di mantenere un contegno sobrio.

- Ah, ma così non si respira…

- Me ne frego! Durante il lavoro voi dovete attenervi a principi standardizzati…

- E comunque, almeno le divise si potrebbero personalizzare…

- Che significa personalizzare?

- Direttore, per esempio: le starebbe bene una cinta di stoffa, sarebbe molto più fashion…

- Non capisco, scusate…

- Ma sì, si tolga quella orrenda cinta di cuoio che mi pare un cow boy, lasci fare a me. Ecco, metta la mia sciarpetta di seta, si guardi: sta benissimo, sembra un’odalisca…

- Pinocchia, voi mi spingete in un profondo abisso…

- Perché mai?

- Io quando vi guardo non capisco… cioè, Pinocchia… io… voi mi confondete!

- Ah… che carino a preoccuparsi per me… lei è uno zuccherino, direttore...

- Pinocchia… ma come si permette?

- Eh, che sarà mai… si sente turbato?

- Effettivamente, c’è troppa confusione oggigiorno. Anche qui dentro, perdio! 



  La città senza uscita: LEGGI L'ANTEPRIMA GRATUITA


 © ENRICO MATTIOLI 2017

 



© Enrico Mattioli 2017