Come esportare la Terra Promessa


Unknown


A volte mi capita di leggere che il nostro sia (è) un paese per vecchi. Non sono d’accordo, non almeno nel senso letterale del termine. Vecchio se non è un insulto, sicuro non è un complimento. Soprattutto, i vecchi sono tra le categorie (se è lecito definirla una categoria), tra le più penalizzate. Quindi, il nostro non può essere un paese per vecchi. Non è, non lo è mai stato, nemmeno un paese per poveri: ma esiste un paese per poveri su questa terra?  

Il problema non è più la condizione economica e d’età, bensì i termini. Sì, magari basterebbe solo trovare la giusta definizione e con un colpo si risolverebbero entrambe le questioni.

Chiunque ha incontrato poveri che si indaffaravano per sembrare ricchi e questi ultimi, che si industriavano per sembrare poveri. Diversi il fine, il principio e i risultati, ma tale scambio di condizione è molto in voga. A pensarci bene, non è nemmeno un paese per ricchi, i quali, al contrario dei diversamente abbienti, di paesi adatti ne trovano, ma non questo: non il nostro. Se alta è ancora l’evasione fiscale, questo luogo non è nemmeno per loro. La differenza è che i ricchi possono scegliere, ma è ingeneroso fare ironia. Le piccole e medie imprese chiudono, gli imprenditori falliscono, le vendite s'abbassano mentre sale la pressione fiscale. Un'analisi comatosa. Resistono, anzi, dilatano i propri affari in modo esponenziale, i grandi gruppi e le multinazionali.  Cioè, i marchi, le sigle. Capitali ingenti a disposizione con cui comprare, corrompere o spostare governi e maggioranze e opposizioni annesse. È il mondo del Big Brother (1984 - George Orwell).


Dunque, che razza di paese è il nostro? Soprattutto, è fatto a modello di chi? Per chi?


Anni fa leggevo il libro di Gianni Minà, Continente desaparecidos. Nel libro si affrontava il tema della miseria e delle guerre nel mondo e, se due format economici (passatemi il termine, è solo per stare al passo) tali a comunismo e socialismo hanno fallito - data la situazione internazionale - possiamo affermare che il capitalismo abbia trionfato?

Tornando a bomba, questo è un paese per… un paese… un… in realtà, hanno voluto esportare il modello Terra Promessa e ci sono riusciti. Tutto il mondo, oggi, è una gigantesca Isola che non c’è dove non esistono giovani o vecchi, ma solo campeggiatori abusivi, cioè noialtri.  


In passato, tutti avemmo i nostri quindici minuti di utopia. 



© ENRICO MATTIOLI 2014  



© Enrico Mattioli 2017