Una foglia



15207_4850683794304_1641079205_n


Quando una foglia cade dall’albero, con la stessa sincronia, accadono milioni di altre cose in altrettanti posti. Fatti grandi e piccoli, banali e inconsueti.

Quella foglia continuerà a cadere con la medesima ciclicità per altre stagioni, per uguali ragioni; non quella foglia, ahimè, ma un’altra e poi un’altra ancora. Io resto qui a osservarla, seguendone la traiettoria rallentata pensando ai quei milioni di altri fatti grandi e piccoli, banali e non, che accadono in milioni di altri luoghi.

L’umanità è afflitta da un Alzheimer collettivo del cui peso è ignara. Difficile stabilire l’entità di una memoria storica, ma suppongo che la sua durata sia sempre più breve. Un ricordo, perfino il più tragico, è un onere dal quale si fugge per motivi disparati che vanno dall’opportunismo alla malafede, dalla diffidenza all’indifferenza.

Figli della scorciatoia e della strada breve, della fenomenalità e della tendenza, profeti della velocità d’esecuzione e del consiglio pratico, la nostra prepotente necessità di un palco dove esibirsi pur senza competenze è la panacea di un edonismo senza limiti che prevede solo un posto sulla terra che ovviamente è del vincente. 

Il cadere discreto della foglia è lì a ricordare i limiti che preferiamo non valutare. La memoria appare pericolosa e il ricordo doloroso, oltre per quanto rappresentato, perché rammenta che passeremo e resterà di noi l’anonimato o un busto mai elevato o, seppure fosse, ignoto.

Il sole scalda i colori dell’autunno inoltrato. Dal punto in cui mi trovo, superato con lo sguardo un lungo filare di pini a ombrello, si staglia sul piano ottico il profilo dell’Acquedotto Claudio, anno 38 d.C. Il mio pensare è distratto dai giochi di due Labrador che si rincorrono nell’area adibita ai cani. Sorrido e guardo l’orologio. È ora di tornare.

Lungo il viale alberato, un tappeto di rami secchi. M’incammino, un’altra foglia si stacca e mi pare quasi che prolunghi la sua discesa, come un cenno. Saluto, non so nemmeno io a chi o a che cosa, ma ricambio l’ossequio, la raccolgo e la conservo nella tasca. 



 © ENRICO MATTIOLI 2017




© Enrico Mattioli 2017